spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Marzo 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Greve, il centrodestra chiede proroga concessione suolo pubblico per i locali

    Fino al 31 dicembre, I consiglieri Gemelli, Raveggi e Sottani: "Chiediamo un ripensamento dell'amministrazione comunale al termine che scadeva il 31 ottobre"

    GREVE IN CHIANTI – “All’ultimo consiglio comunale (quello del 29 ottobre scorso) abbiamo appreso che l’amministrazione comunale non rinnoverà la proroga per la concessione del suolo pubblico straordinario per il ristoro all’aperto in scadenza il 31 ottobre”.

    E’ la premessa dalla quale Claudio Gemelli, Marco Raveggi e Giuliano Sottani, “come gruppo consiliare di centrodestra di Greve in Chianti”, chiedono “una riflessione e un ripensamento su questa scelta”.

    “Auspichiamo infatti – dicono – che la concessione gratuita del suolo pubblico sia prorogata fino al 31 dicembre su tutto il territorio comunale, come ha deciso il Comune di Firenze e tantissimi altri comuni toscani, in modo da dare ai titolari dei locali maggiore spazio possibile da utilizzare durante il giorno per garantire il distanziamento tra i clienti imposti dal Dpcm”.

    Oggi più che mai – sostengono – è importante dare un altro segnale di attenzione e vicinanza alla categoria della ristorazione e dei locali in generale, colpiti fortemente dalla crisi”.

    “Del resto – aggiungono – il mantenimento di uno spazio in più non porterà nessuno sconvolgimento particolare, ma avremo dato agli imprenditori del settore un’opportunità da sfruttare se lo riterranno opportuno per il loro futuro”.

    “Siamo fiduciosi – concludono – che l’amministrazione converga su questa scelta”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...