spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Greve in Chianti: “Filoni di pane nel bosco. Si ricorda che è un illecito penale”

    "Mantenere alta la densità della popolazione animale mediante il foraggiamento artificiale degli animali selvatici favorisce la loro riproduzione in maniera incontrollata"

    GREVE IN CHIANTI – Riceviamo e pubblichiamo questa segnalazione, comprensiva del video sottostante.

    Riguarda una attività di foraggiamento animali selvatici nel territorio comunale di Greve in Chianti.

    Si segnala che in data 27 dicembre è stato ritrovato un ingente numero di filoni di pane nel bosco sottostante la strada bianca comunale che dalla statale 222 porta alla madonna della neve.

    L’ubicazione concreta è l’inizio della vecchia via di Montagliari ormai in disuso e integrata nella vegetazione.

    Nei giorni precedenti sono stati ritrovati altri filoni di pane in un bosco confinante con una vigna in attivo.

    Si ricorda che il foraggiamento di selvatici e in particolare di cinghiali costituisce un’illecito penale.

    Inoltre il nutrimento artificiale può indurre gli animali selvatici ad abbandonare il loro habitat per recarsi presso la fonte del cibo, molto spesso coincidente con l’avvicinamento a strade e ai centri abitati.

    Venendo così creati rischi per le persone e per l’animale stesso.

    Si sottolinea che mantenere alta la densità della popolazione animale mediante il foraggiamento artificiale degli animali selvatici favorisce la loro riproduzione in maniera incontrollata.

    Questo a sua volta si traduce in danni sulle vigne e sui coltivi.

    Bernardo Zilletti

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...