mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    Greve in Chianti: numero dedicato alle informazioni sul Covid gestito da due giovani del servizio civile

    Bottega della Salute: il punto informazioni offre un servizio di orientamento al cittadino sull'emergenza. Ecco come e quando

    GREVE IN CHIANTI – Celeste Gensini e Greta Mosconi sono le giovani, selezionate mediante il Bando di Servizio Civile nazionale, che gestiscono il punto informazioni Botteghe della Salute di Greve in Chianti, nato dalla collaborazione tra Regione Toscana, Uncem Toscana e i comuni aderenti.

    Da lunedì 12 aprile, nell’ambito del programma di interventi messo in campo dalla giunta comunale a favore delle fasce deboli della popolazione, le operatrici risponderanno ad un numero dedicato per dare informazioni puntuali sulle questioni legate all’emergenza sanitaria ed un supporto in particolare nelle prenotazioni vaccinali.

    “Le giovani aiuteranno coloro che non hanno dimestichezza o facilità di accesso alla rete internet – spiega l’assessore alle politiche sociali Ilary Scarpelli – e rivolgeranno particolare attenzione agli anziani per ciò che riguarda la compilazione della modulistica necessaria alle prenotazioni vaccinali”.

    Il punto è legato al progetto di rete Botteghe della Salute che nel Comune di Greve in Chianti si è realizzato con l’attivazione di un presidio locale finalizzato al decentramento dei servizi, alla semplificazione delle pratiche e al rafforzamento del dialogo tra i cittadini e la pubblica amministrazione.

     Il recapito da contattare, disponibile tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10 alle ore 13, è il seguente: 3342432562.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...