lunedì 28 Settembre 2020
Altre aree

    Pneumatici nei boschi del Chianti: ecco il bottino dei Ris (“Raccattiamo i’ sudicio)

    Un gruppo di giovani dai 18 ai 37 anni si impegna ogni domenica per il volontariato ambientale

    GREVE IN CHIANTI – Muniti di guanti e pettorina, sfidano le temperature più rigide di questi giorni gli angeli del decoro urbano di Greve in Chianti, pur di non trascurare una delle loro più grandi passioni: il volontariato ambientale. E dal bosco riescono a tirar fuori di tutto: compresi pneumatici di auto (in abbondanza), wc e bombole del gas.

     

    È mosso da spirito di aggregazione, senso di responsabilità civica e attaccamento al territorio il gruppo di giovani tra i 18 e 37 anni, proveniente da Strada, Greve e Firenze. I Ris, che ironicamente si identificano nella forma plurale de i Raccattiamo i sudicio, continuano a lavorare per tenere pulito il territorio e a mettere in atto obiettivi e pratiche virtuose nel nome della tutela e della salvaguardia del patrimonio ambientale di una delle zone più belle al mondo, apprezzate da cittadini e visitatori.

     

    Una domenica dopo l'altra, si danno appuntamento nelle zone che si ritengono più critiche dal punto di vista degli abbandoni e si adoperano, con metodo, costanza e capacità organizzative, per rimuovere oggetti e rifiuti di ogni genere, compresi gli ingombranti, che sporcano e creano degrado nei boschi e nelle aree di campagna del Chianti.

     

    "Nell'ultima uscita fatta nella zona del Passo dei Pecorai – dichiarano i giovani – abbiamo trovato di tutto, 25 gomme da auto, alcune delle quali sepolte da rami e foglie  che abbiamo dissotterrato scavando con delle apposite pale, e poi gabinetti, lavandini, bombole del gas, secchi da muratore, tende, cerchioni di macchina, cassette e teloni di plastica, bottiglie di vetro e tanto altro. Abbiamo fatto un tragitto breve, rispetto a quello previsto, perché ci siamo soffermati a lungo in questa zona che sembrava una vera e propria discarica a cielo aperto. Quando raccogliamo i rifiuti ci preoccupiamo di disporli lungo la strada all'interno dei sacchi appositi in modo che il gestore del servizio raccolta rifiuti Alia possa effettuare i suoi passaggi e ritirarli prima possibile. Se i cittadini notano la presenza di alcuni sacchi di rifiuti nei primi giorni della settimana questi non sono da attribuire a conferimenti errati o ad abbandoni ma  alle nostre giornate di pulizia straordinaria che cerchiamo di mantenere settimanalmente".  

     

    Entusiasta dell'attività dei Ris è l'assessore all'Ambiente Simona Forzoni. "I ragazzi costituiscono davvero un esempio per il nostro territorio, non solo per l'impegno profuso nelle tematiche ambientali – rimarca – ma per la concretezza delle loro azioni che svolgono in maniera puntuale e cadenzata, tutt’altro che occasionale. Come amministrazione comunale ci siamo attivati per affiancarli e sostenerli insieme ad Alia, fornendo loro pettorine e guanti personalizzati e iscrivendoli al registro dei volontari civici. Come assessore all'Ambiente, mi sto occupando di organizzare delle specifiche giornate e passeggiate ecologiche nel Chianti insieme ai ragazzi, alle famiglie e a tutti coloro che hanno a cuore il territorio, un Chianti da rispettare e da amare nella quotidianità".

     

    Fanno parte dei Ris Marco Ferri, Silvia Ferri, Mirko Batacchi, Stefano Catarzi, Celeste Gensini, Martina Leone, Lorenzo Pinzauti, Giulia Barlazzi, Francesco Moscadelli,  Francesca Secci, Jacopo Del Corso, Veronica Fantechi, Raul Degl’Innocenti, Tommaso Fazzi, Irene Viti, Simone Russo, Sara Fiaschi.

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino