spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nell’ambito della mostra “I volti della Terra Santa” incontro fra Islam e cristianesimo

    PANZANO (GREVE IN CHIANTI) – Si chiama "I volti della Terra Santa", ed è una splendida mostra fotografica in corso presso la Limonaia di Pescille a Panzano in Chianti.

     

    In particolare proprio oggi, alle 21, serata sul tema "Gerusalemme città di pace", incontro con Rav Yosef Levi (Rabbino capo di Firenze); Padre Giancarlo Bruni, (Teologo spirituale); Izzedin Elzir (Imam di Firenze).

     

    Le fotografie che compongono la mostra sono di un giovanissimo, Tommaso Iorio, 19 anni: che si definisce "fotografo e aspirante allevatore".

     

    “Fermare i ricordi – dice Iorio – è proprio questo ciò che mi spinge da sempre a immortalare gli istanti, i colori, i volti e le vicende in cui fortuitamente o volutamente mi trovo. Fermarli per non perderli e magari se belli o importanti da mostrare al prossimo".

     

    "Questi modesti scatti – racconta – risalgono ad un viaggio-report effettuato nel mese di agosto. Per 15 giorni a cavallo tra Israele e Palestina. Un viaggio fotografico, di maturità, intenso e ricco di avventura. Affiancato da tre grandi compagni di viaggio e di vita, un viaggio che mi ha arricchito di ricordi e sensazioni che spero di esprimervi e trasmettervi attraverso queste foto".

     

    Ultimo incontro nell'ambito della mostra sabato 23 novembre (che coincide anche con la sua chiusura), sempre alle 21, sul tema "Dai volti alle storie", incontro con la giornalista Chiara Pellicci.

     

    Orari di apertura: giovedì e venerdì 15-17; sabato e domenica 10-13 e 16-21.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...