spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il centrodestra: “Ztl a Greve, in piazza e nelle vie del centro, monta la polemica. Ma è stata scelta condivisa?”

    "Commercianti e residenti sono d'accordo con una chiusura che porta pochi vantaggi dal lato turistico e danneggia in modo rilevante gli esercenti della zona?"

    GREVE IN CHIANTI – “Apprendiamo dell’istituzione in via sperimentale della ZTL nella piazza Matteotti di Greve in Chianti e nelle vie limitrofe. E ci chiediamo se questa decisione sia stata condivisa con i commercianti e con i residenti della zona e se questi siano d’accordo”.

    Lo chiedono pubblicamente i consiglieri comunali del gruppo di opposizione di centrodestra (Per il Cambiamento), Claudio Gemelli, Marco Raveggi e Giuliano Sottani.

    # La decisione: zona a traffico limitato in piazza Matteotti e in tutto il centro storico di Greve in Chianti

    Lo chiedono “perché – sottolineano – proprio in queste ore sta montando la polemica in merito alla scelta dell’amministrazione di chiudere piazza Matteotti tutti i giorni ed in pratica tutto il giorno”.

    “Avremmo gradito – rilanciano – che una proposta del genere fosse almeno stata condivisa con le opposizioni e magari discussa in qualche commissione consiliare, o meglio in una seduta del consiglio comunale trattandosi di una decisione importante ed invece niente di tutto questo”.

    “Crediamo – argomentano – che la chiusura al traffico della piazza Matteotti, via di Camaldoli, via Battisti, via Roma e via Giuliotti porti pochi vantaggi dal lato turistico. E danneggi in modo rilevante gli esercenti della zona, dato che sarà più difficile fermarsi velocemente nei negozi che si affacciano nel centro”.

    “La piazza – continuano – sicuramente è un’attrazione del nostro paese per chi viene da fuori, ma bisogna anche pensare a chi Greve in Chianti la vive tutti i giorni, o ha una attività economica. E non penalizzarli con scelte che non comprendiamo fino in fondo”.

    “Al di là del riscoprire il paese con i ritmi lenti e della sostenibilità – rincarano – era davvero necessario chiuderla di fatto tutto il giorno (tranne qualche ora la mattina e un’ora il pomeriggio per il carico scarico)?”.

    “Non sarebbe stato meglio – domandano – dato che è una decisione in via sperimentale, andare gradualmente con orari meno stringenti?”.

    “Chiediamo – annunciano in conclusione – che questo argomento venga discusso nel prossimo consiglio comunale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...