spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La decisione: zona a traffico limitato in piazza Matteotti e in tutto il centro storico di Greve in Chianti

    Da lunedì 11 aprile fino al 31 ottobre. Il sindaco Sottani: "Operazione che riteniamo necessaria per la salvaguardia ambientale, la promozione e la valorizzazione dei nostri spazi urbani"

    GREVE IN CHIANTI – “Il cuore storico di Greve in Chianti che potrà essere vissuto e condiviso in sicurezza e nel pieno rispetto dei principi di sostenibilità ambientale”.

    E’ l’annuncio dell’amministrazione comunale grevigiana, che certifica che “con la delibera comunale, appena varata, il sindaco Paolo Sottani introduce in forma sperimentale, per la prima volta nella storia contemporanea della piazza simbolo del Chianti, l’istituzione della zona a traffico limitato in piazza Matteotti e nelle vie limitrofe”.

    “Una nuova modalità – viene rimarcato – di fruire e riscoprire a piedi, secondo i ritmi lenti e consapevoli della cultura slow, aspetti cari alla qualità del vivere in campagna, le piazze e le vie di uno dei borghi più belli al mondo”.

    La Ztl sarà attiva da lunedì 11 aprile fino al 31 ottobre 2022 in piazza Matteotti, via Roma, via dell’Arco, via Giuliotti, via Suburbana e via Cesare Battisti, nella zona compresa tra piazza Matteotti e viale Vittorio Veneto, tutti i giorni della settimana con orario 11-16 e 17-6 del mattino successivo.

    Dalla nuova regolamentazione della ZTL del centro storico del capoluogo di Greve in Chianti sono escluse alcune categorie di utenti che potranno richiedere preventivamente e gratuitamente il permesso in modo che la targa possa essere inserita nella lista di coloro che hanno accesso alle vie interdette al transito veicolare.

    La concessione delle deroghe è destinata ai veicoli dei residenti, ai proprietari di passi carrabili situati all’interno della Ztl, ai veicoli legati settore al socio-sanitario, alla protezione civile, alle forze dell’ordine, ai veicoli per la raccolta dei rifiuti urbani, all’assistenza domiciliare, veicoli dell’ASL, Arpat e servizi pubblici e comunali, titolari di contrassegno invalidi, addetti al trasporto urgente di medicinale, soggetti temporaneamente impediti con certificazione, medici in visita domiciliare, veicoli di noleggio con conducente solo per carico e scarico bagagli presso le strutture ricettive presenti all’interno della Ztl, veicoli di artigiani per riparazioni, veicoli degli ospiti delle strutture ricettive per carico e scarico bagagli e sarà compito della struttura inviare targa del veicolo nelle 48 ore successive.

    Durante la finestra pomeridiana la sosta è consentita per carico e scarico negli stalli di sosta dedicati. Per maggiori dettagli l’elenco è disponibile on line e presso l’ufficio della Polizia locale dell’Unione comunale del Chianti Fiorentino.

    “Si apre una nuova stagione per Greve in Chianti – dichiara il sindaco Paolo Sottani – che va nella direzione di pedonalizzare il centro storico perché cittadini e visitatori possano viverlo e condividerlo in modo sostenibile”.

    “Dopo una serie di incontri ed un percorso di informazione, confronto e coinvolgimento dei residenti e dei commercianti – tiene a precisare –  abbiamo deciso di mettere in campo un’operazione sperimentale che riteniamo necessaria per la salvaguardia ambientale, la promozione  e la valorizzazione di quelle che sono le potenzialità dei nostri spazi urbani, conosciuti e apprezzati su scala internazionale, l’obiettivo è anche quello di allineare Greve ai centri storici nazionali ed esteri di elevato pregio storico, architettonico e artistico”.

    “La nostra piazza, dall’atipica forma ad imbuto, avvolta dall’abbraccio dei suoi loggiati – rimarca Sottani – identifica la storia, la tradizione e il ricco patrimonio di conoscenze rurali, artigianali, commerciali ed enogastronomiche”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...