spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 18 Settembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Comune di Greve in Chianti ha intitolato il cantiere comunale a Silvano Signorini

    Si è spento improvvisamente a 73 anni: aveva ricoperto il ruolo di capocantiere dal 1997 al 2008. Il sindaco: "Un gesto per dire una volta in più quanto siamo vicini ai familiari"

    GREVE IN CHIANTI – È stato deciso di farlo proprio nei giorni dell’Expo Chianti Classico 2021, la storica manifestazione dedicata alla cultura vitivinicola che Silvano Signorini, capocantiere del Comune di Greve in Chianti dal 1997 al 2008, amava particolarmente e per la quale lavorava senza sosta nelle settimane che precedevano la complessa attività di allestimento.

    Silvano, dipendente amato da tutti i colleghi e dai cittadini di Greve in Chianti, non c’è più dallo scorso maggio: un arresto cardiaco se l’è portato via all’improvviso, all’età di 73 anni, lasciando nel tessuto della comunità un vuoto incolmabile.

    Il sindaco Paolo Sottani ha deciso di ricordarne la memoria imprimendo un segno permanente del suo passaggio su questa terra.

    Così, da qualche giorno il centro operativo comunale, struttura pubblica e luogo di lavoro per la squadra degli operai comunali e sede della polizia locale dell’Unione del Chianti Fiorentino, porta il nome di “Silvano Signorini”.

    Il sindaco Sottani ha scoperto la targa che è stata posta all’ingresso del cantiere comunale alla presenza dei familiari, commossi, del figlio Michele e della moglie Loretta.

    “È un piccolo grande gesto che vuole tenere vivo l’affetto di tutti noi per un uomo dalle straordinarie capacità umane e professionali” queste le parole del sindaco.

    “Silvano – prosegue – che ha ricoperto il ruolo di capocantiere negli anni 1997-2008 per il Comune di Greve in Chianti, è stato un dipendente modello il cui impegno era visibile tutto l’anno ed in particolare durante la fase organizzativa di quello che è il nostro appuntamento più importante, la festa del vino”.

    “Non a caso – sottolinea – abbiamo voluto commemorare la sua scomparsa con un’iniziativa che si è tenuta in apertura della manifestazione. Un’occasione e un modo per dire ancora una volta ai familiari e agli amici quanto siamo loro vicini e addolorati per la perdita di un uomo e un lavoratore che ha contribuito alla crescita e al continuo miglioramento dell’attività amministrativa”.

    Uno degli ultimi lavori realizzati da Silvano Signorini che aveva competenze idrauliche è stata l’importante opera di costruzione del sistema idraulico della fontana situata in piazza Don Reggioli, caratterizzata dalla scultura di Valentino Moradei.

    Silvano Signorini nutriva inoltre una forte passione per l’apicoltura, tanto da aver conseguito diversi riconoscimenti nell’ambito dell’associazione della quale faceva parte.

    # Fu “storico” capo cantiere del Comune di Greve in Chianti: improvviso addio a Silvano Signorini

    Silvano Signorini

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...