giovedì 13 Agosto 2020
Altre aree

    Il Covid non ha fermato la Scuola di Musica di Greve in Chianti: che ha fatto anche il saggio di fine anno

    Sulla terrazza del Museo San Francesco. Corinna Verniani: "Abbiamo anche suonato e creato un video con un brano tratto dalla colonna sonora di Indiana Jones. Mai arrendersi"

    GREVE IN CHIANTI – Arriva l’estate e la Scuola di Musica di Greve in Chianti, nonostante l’annata strana, riesce ad organizzare il saggio di fine anno, dove gli allievi (che non hanno mai smesso di impegnarsi) dimostrano a se stessi più che ad altri, i progressi fatti grazie l’impegno profuso.

    “Abbiamo organizzato il saggio di fine anno – ci dice Corinna Verniani – nella terrazza del Museo di San Francesco, con distanza di sicurezza, ingressi contingentati e per questo, tutte le esibizioni sono state registrate e caricate sulla pagina Facebook della Scuola di Musica per dare a tutti la possibilità di vederle”.

    “Sempre considerando l’annata strana – prosegue Corinna – abbiamo voluto lanciarci anche in un’altra avventura, abbiamo portato avanti il Progetto Orchestra della scuola di musica da casa. Gli allievi e gli insegnanti hanno suonato dalle loro abitazioni un brano tratto dalla colonna sonora di Indiana Jones. Si sono ripresi e poi i vari video sono stati montati creando un inno al non arrendersi”.

    Progetto Orchestra -Indiana Jones theme

    Il Progetto Orchestra , orchestra della Scuola di Musica di Greve in Chianti, è il progetto in continua crescita ed evoluzione, in cui insegnanti, allievi e musicisti amatori trovano realizzata la propria vocazione alla condivisione della pratica musicale. Suonare insieme rappresenta un momento in cui gli appassionati ed i giovani allievi mettono a frutto i loro studi e gli insegnanti possono sentire di essere la guida salda su cui far crescere la fiducia degli altri. Poche cose come suonare insieme riempie di significato lo sforzo individuali che ognuno compie per migliorare se stesso. Ogni anno, in diverse occasioni, viene eseguito un repertorio che la professoressa Camilla Insom arrangia appositamente per l’organico di questa speciale orchestra, ma questo momento particolare di emergenza sanitaria ha necessariamente cancellato ogni appuntamento. Vi sono però legami che la musica ha creato, che oggi si sono dimostrati essere molto forti e che hanno fatto sì che si potesse esser forti ed uniti anche nella distanza. La scelta del brano non è stata casuale, ma dettata dal nostro speciale carattere, pronto sempre alle avventure impossibili perché mai come adesso, era viva in ognuno di noi la necessità di sentirsi pronti a fronteggiare con coraggio il futuro, per quanto imprevisto potrà essere; l’avventura non finisce mai e che la musica sia con noi!P.s. un ringraziamento speciale va all' Istituto superiore di studi musicali Rinaldo Franci di Siena e alla filarmonica G. Verdi di Panzano in Chianti per la splendida collaborazione.#scuoladimusicadigreve #greveinchianti #orchestra #johnwilliams

    Pubblicato da Scuola Musica di Greve in Chianti su Domenica 5 luglio 2020

    “Il Progetto Orchestra della Scuola di Musica di Greve in Chianti – ci spiega Corinna – è un progetto in continua crescita ed evoluzione, in cui insegnanti, allievi e musicisti amatori trovano realizzata la propria vocazione alla condivisione della pratica musicale”.

    “Suonare insieme – aggiunge – rappresenta un momento in cui gli appassionati ed i giovani allievi mettono a frutto i loro studi e gli insegnanti possono sentire di essere la guida salda su cui far crescere la fiducia degli altri. Poche cose come suonare insieme riempie di significato lo sforzo individuale che ognuno compie per migliorare se stesso”.

    “Solitamente – continua ancora Corinna – ogni anno e in diverse occasioni, viene eseguito un repertorio che la professoressa Camilla Insom arrangia appositamente per l’organico di questa speciale orchestra; ma questo momento particolare di emergenza sanitaria ha necessariamente cancellato ogni appuntamento. Vi sono però legami che la musica ha creato, che oggi si sono dimostrati essere molto forti e che hanno fatto sì che si potesse esser forti ed uniti anche nella distanza”.

    “La scelta del brano non è stata casuale – conclude – ma dettata dal nostro speciale carattere, pronto sempre alle avventure impossibili perché mai come adesso, era viva in ognuno di noi la necessità di sentirsi pronti a fronteggiare con coraggio il futuro, per quanto imprevisto potrà essere; l’avventura non finisce mai e che la musica sia con noi!”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino