spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il diario dei viaggi di Bruno Giaconi: domenica 29 maggio si presenta il libro alla casa del popolo di Greve

    93 anni, tavarnuzzino, ex (storico) presidente della casa del popolo di Tavarnuzze, grande viaggiatore. Il suo racconto di un'Italia più ingenua, che viaggiava in Seicento e Bianchina

    GREVE IN CHIANTI – Un diario di viaggi che attraversano l’Italia, da metà anni cinquanta fino ad oggi.

    Sono quelli di Bruno Giaconi, classe 1929, ex “storico” presidente della casa del popolo di Tavarnuzze, persona letteralmente adorata in tutto il territorio.

    93 anni portati con l’orgoglio e la gioia di chi la vita la ama davvero, tanto da affrontare con spirito positivo anche il faticoso periodo della pandemia.

    In quei mesi Giaconi si rimette a scrivere raccontando le bellezze del nostro Paese regalandocene un affresco autentico, sincero, ironico.

    È l’Italia delle gite organizzate dai circoli e dei viaggi con la Seicento o con la Bianchina cabriolet e, più tardi, con il camper.

    Ma Giaconi, da instancabile militante, viaggia anche per partecipare alle manifestazioni sindacali, portare aiuti nelle zone alluvionate, per raggiungere gli studi televisivi e battersi per le cause sociali.

    Domenica 29 maggio, alle ore 17.30, presso la casa del popolo di Greve, l’Associazione culturale Tiravento e il circolo Arci lo hanno invitato a presentare il suo libro.

    Sarà una preziosa occasione per conoscere Bruno, accompagnato dalla sua amata Gigliola, e godere della sua straordinaria simpatia.

    La presentazione sarà seguita da un buffet a base di piatti tipici regionali. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...