spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Il mio saluto alla Croce Rossa di Greve in Chianti”: lettera aperta del vicepresidente Alberto Nardino

    "Una scelta motivata unicamente da ragioni personali, fisiche e familiari che travalicano la mia attività nel volontariato"

    GREVE IN CHIANTI – Una lettera aperta. Per salutare pubblicamente la Croce Rossa di Greve in Chianti.

    Ha scelto questa strada il vicepresidente Alberto Nardino, per dire grazie a tutti.

    Con il prossimo 27 giugno, giorno dell’Assemblea dei Soci chiamati ad approvare il bilancio 2021 del Ns Comitato CRI di Greve in Chianti, cesserà la mia collaborazione in Croce Rossa a seguito delle  dimissioni rassegnate nelle mani del Presidente Alessandro Valacchi al quale rinnovo con sincera stima il mio apprezzamento, avendo con lui condiviso ogni fase di questo nostro breve ma intenso mandato elettivo.

    Questo mio messaggio, oltre a rappresentare  un gradito saluto a quanti ho conosciuto e/o ritrovato  nel corso di questa bellissima  esperienza, ha  anche lo scopo di chiarire doverosamente le origini di questa mia scelta, motivata unicamente da ragioni personali, fisiche e familiari che travalicano la mia attività nel volontariato.

    Una esperienza irripetibile e fantastica che si chiude lasciandomi la soddisfazione di avere interagito con persone generose, altruiste, positive e di averne ricevuto una carica vitale che in più di un momento mi ha fatto dimenticare l’inarrestabile incedere del tempo!

    Ma è proprio per la somma di recenti “piccoli segnali”  legati al  naturale ciclo biologico  che mi sono convinto a rivedere le mie priorità e a decidere di tornare a dedicare  maggiore attenzione a chi ha fin qui  silenziosamente condiviso i miei interessi ed il mio impegno pubblico, attendendo pazientemente che ritrovassi lo spazio anche per le mie responsabilità familiari.

    Mi rassicura la convinzione  che all’interno del Comitato, a partire dal Consiglio Direttivo e fino a gran parte dei Volontari, esistano le risorse necessarie per  proseguire nel percorso di risanamento e di sviluppo che dopo le pesanti difficoltà generate dalla pandemia nel 2020, oggi fanno intravedere un ritrovato equilibrio, come  testimoniato dalle molteplici attività dei Volontari e da un conto economico che è ritornato su livelli positivi e soddisfacenti.

    Ringrazio dunque tutti i Volontari per la fiducia accordatami e ringrazio tutti coloro che  hanno condiviso questo mio percorso, chiedendo scusa per tutte le cose che non sono andate come avremmo voluto, per tutte le volte che il mio carattere ostinatamente caparbio si è scontrato con le altrettanto ferree convinzioni altrui.

    Insomma, sintetizzo dicendo: “È stato bellissimo e lo rifarei volentieri! Magari, potendo, anche meglio!”.

    Un cordiale saluto.

    Alberto Nardino

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...