spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il progetto di una terza elementare di Strada in Chianti diventa un libro: e oggi si presenta al Salone di Torino

    "Fai il tuo gioco" racconta uno splendido "esperimento scolastico" che, sulle competenze digitali, ha messo insieme i bimbi della primaria stradese con 14 studenti di 15 anni del "Gobetti-Volta"

    STRADA (GREVE IN CHIANTI) – Un progetto che ha riguardato una classe di terza elementare della scuola “Giulio Bucciolini” di Strada in Chianti, insieme ad una seconda superiore dell’Istituto “Gobetti Volta” di Bagno a Ripoli, è diventato un libro: “Fai il tuo gioco”, che oggi verrà presentato al Salone Internazionale del Libro di Torino.

    Ma partiamo dall’inizio – ci dicono coloro che hanno gestito il progetto – quando negli “Indicatori strutturali sulle politiche educative in Europa: aggiornamento 2022” per la prima volta, vengono inclusi degli indicatori sulle competenze digitali.

    Si è quindi pensato di creare un progetto innovativo ed unico del suo genere.  

    Questi indicatori offrono una visione d’insieme delle politiche chiave a sostegno dello sviluppo di competenze digitali delineate nel Piano d’azione per l’istruzione digitale 2021-2027 della Commissione europea.

    “Con il supporto di due amministrazioni comunali – ci spiegano le animatrici del progetto –  Greve in Chianti e Bagno a Ripoli, di noi due professoresse della scuola superiore, Lorella Rotondi ed Elisabetta Cosi, insieme a due maestre della scuola elementare, Patrizia Moroni e Maria Grazia Fallato, un pulmino di bambine e bambini di Strada in Chianti ha raggiunto per 4 mesi, una volta a settimana la scuola superiore “Gobetti-Volta”. Ad attenderli c’erano 14 studenti di 15 anni, in un’aula di informatica”.

    “In questa classe – proseguono Rotondi e Cosi – davanti a dei computer, con i ragazzi di seconda superiore a fare da Tutor,  sono nati tanti piccoli giochi, digitali, semplici. Ma che hanno permesso di imparare aggettivi, sostantivi, verbi, creazione di personaggi, descrizione, sfondi, storie e tantissime altre cose”.

    “All’inizio eravamo curiosi, imbarazzati e quasi spaventati – hanno detto alcuni bambini – ma poi abbiamo costruito un’alleanza che si è trasformata in amicizia con i ragazzi grandi”.

    “Abbiamo imparato ad utilizzare il computer in modo creativo e costruttivo – hanno specificato – abbiamo visto i nostri errori ortografici e ci siamo autocorretti”.

    “Essendo abituati a giocare – hanno concluso – ci siamo resi conto che giocare è facile ma creare un gioco è molto difficile. Il sindaco ci ha addirittura consegnato un attestato di partecipazione”.

    “Questo progetto è stato una prima esperienza che speriamo possa ripetersi nel tempo – riprendono le organizzatrici – C’è sempre qualcosa che può essere migliorato, ma aver dato la possibilità a questi studenti, di età così diverse, di interagire fra loro e portare a termine un progetto così innovativo, rappresenta un insegnamento che va ben oltre le nozioni base imparate ed apprese”.

    “Per i grandi – concludono – provare a comprendere cosa significhi insegnare e per i piccoli, vedere come le loro idee, attraverso un linguaggio informatico, si trasformava in un gioco sul computer, sono delle lezioni importantissime, che siamo certe, lasceranno uno splendido ricordo nei ragazzi e nelle ragazze”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...