spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 19 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In classe a Greve in Chianti è tutta un’altra musica: suona e canta Aleandro Baldi

    Il progetto, finanziato dal Comune, prevede un ciclo di incontri musicali che coinvolge 200 studenti delle primarie di Greve, Strada, San Polo e Panzano

    GREVE IN CHIANTI – Aleandro Baldi incontra gli studenti grevigiani. E canta insieme a loro.

    In classe, con le mascherine, una chitarra che suona e una voce che si unisce e si fonde a quella delle bambine e dei bambini delle scuole primarie di Greve in Chianti, Panzano, Strada e San Polo.

    Per vivere le emozioni, insegnare e stimolare gli allievi a dialogare con i linguaggi della musica, a rispettarsi attraverso l’ascolto.

    Un’occasione inedita, anche per il cantautore già vincitore del Festival di Sanremo nel 1992 e nel 1994, che metterà a disposizione del mondo scolastico strumenti ritmici, sonori e compositivi, capaci di riempire il silenzio e trasformarlo in un coro di sentimenti.

    Sono gli obiettivi della prima edizione di un progetto educativo finanziato dal Comune di Greve in Chianti e realizzato insieme all’Istituto comprensivo di Greve in Chianti, con il coordinamento dell’insegnante Agata Maddoli.

    Il nuovo percorso educativo che vuole avvicinare gli studenti all’universo musicale con un ciclo di incontri laboratoriali ed esperienziali, condotti da Aleandro Baldi, coinvolge 12 classi per un totale di 200 bambini circa. L’iniziativa prevede un’intensa stagione di incontri settimanali in ogni scuola e si concluderà a giugno.

    “L’intento è quello di coinvolgere gli studenti e trasmettere loro la mia grande passione – commenta Aleandro Baldi – un’esperienza artistica e umana che vuole rendere partecipi i bambini e metterli a conoscenza dei valori che sorreggono l’universo musicale, fondamentale per lo sviluppo cognitivo e motorio dei più piccoli”.

    “Parliamo – racconta – ascoltiamo il suono delle note, ci soffermiamo sulla necessità di cantare insieme, di prestare attenzione all’altro, eseguiamo esercizi di ritmo e coordinazione”.

    Il viaggio del canto, che mira a far affiorare il potenziale musicale che abita ogni bambino fin dalla nascita, è partito da qualche giorno. 

    Guidati dal cantante, gli studenti si sperimentano anche nella scrittura delle canzoni. Nella primaria di Greve hanno composto un piccolo brano ispirato alla realtà a loro più vicina, il cibo, dal titolo “Caramelle, frutta e cioccolato”.

    A Strada gli allievi si sono cimentati nel mettere in musica e parole il tema della primavera, immaginata come ragazza in sella ad un possente cavallo sotto il cielo blu che torna a casa.

    “La musica è uno strumento di conoscenza e di esperienza della vita stessa, fondamentale per rafforzare l’integrazione sociale, valorizzare la cultura e i percorsi educativi rivolti ai bambini” dichiara l’assessore alle politiche educative Maria Grazia Esposito.

    “Abbiamo così deciso di investire sulla formazione musicale nelle scuole – evidenzia – al fianco di un professionista che ama ciò che fa, un grande cantautore del nostro territorio come Aleandro Baldi. Per stimolare l’ascolto reciproco e la sensibilità innata dei più piccoli verso la musica sostenendoli concretamente sul loro percorso di apprendimento”.

    Per la dirigente scolastica Francesca Ortenzi “la formazione, la cultura sono alla base di ogni azione tesa a costruire l’autonomia e la crescita dei cittadini del futuro”.

    “La sinergia con il Comune – aggiunge – con il quale anche quest’anno sono state avviati numerosi progetti e collaborazioni ha prodotto una nuova esperienza; che favorisce il benessere dei bambini a scuola, tracciando un nuovo sentiero educativo nel segno dell’arte come forma di inclusione e scoperta di se”.

    “La musica mi ha dato la possibilità di aprirmi all’esterno e comunicare – conclude il cantautore grevigiano – attraverso la musica ho potuto dire cose che altrimenti non sarei riuscito a rivelare. La musica tira fuori l’aspetto migliore di me: spero che questo percorso possa aiutare i bambini a sentirsi parte di una comunità incentrata sul rispetto reciproco che aspira a formare cittadini consapevoli e responsabili delle loro scelte”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...