spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Piacevole incontro alla casa del popolo con l’ex allenatore in lizza per il Parlamento

    Un incontro molto piacevole, con un uomo dalla convinta cultura di sinistra, da sempre una mosca bianca (o una pecora nera per qualcuno…) nel mondo del calcio professionistico italiano.

     

    Martedì 5 febbraio Renzo Ulivieri, ex allenatore di serie A e presidente dell'associazione italiana allenatori, è venuto a Greve in Chianti, invitato alla casa del popolo dal circolo grevigiano di Sel, a spiegare i motivi che l'hanno spinto a candidarsi al Parlamento (secondo in lista per il Senato in Toscana dietro Alessia Petraglia) con il partito guidato da Nichi Vendola.

     

    Una panoramica ampia sul modo di intendere la vita e la sinistra da parte di Ulivieri, che è partito dalle scuole calcio e dal ruolo dell'allenatore, dal rapporto con i bambini nello spogliatoio, per arrivare poi a trattare i temi di economia, welfare, lavoro.

     

    "Di una cosa – ha tenuto a precisare più volte, per un filo conduttore che unisce molti dei suoi convincimenti – sono estremamente sicuro. Che bisogna ripartire dagli ultimi, da quelli che hanno poco e da quelli che non hanno niente: ai quali, paradossalmente, in questi anni è stato chiesto… tutto. Dal salario minimo garantito, dal far pagare di più a chi ha di più come in ogni famiglia che si rispetti: anche perché dando qualcosa a chi non ce l'ha sono sicuro che diamo impulso anche all'economia".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...