spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Greve-Radda in Chianti, la proposta: “Si chiede a Céline di produrre mascherine”

    Iniziativa delle liste Viva i Cittadini di Radda e Viva Cittadini per Greve

    GREVE-RADDA IN CHIANTI – Iniziative delle liste Viva (Cittadini di Radda in Chianti e Cittadini per Greve in Chianti), che con i loro consiglieri comunali (Vincenzo Bucci a Radda, Fabio Baldi e Simone Secchi a Greve) avanzano ai rispettivi sindaci (Pier Paolo Mugnaini e Paolo Sottani), una “proposta di iniziativa per far produrre mascherine ed altri presidi sanitari sul territorio chiantigiano”.

    “Sul territorio dei comuni di Greve e Radda in Chianti – scrivono – come su quello di tanti altri comuni del Chianti e della Toscana, sono presenti innumerevoli aziende di pelletteria e di sartoria di alta moda e comunque organizzate con personale di grande professionalità e con produzioni di altissima qualità. In questo momento le loro produzioni sono ferme ed anche quando riprenderanno avranno, purtroppo, presumibilmente, importanti difficoltà di mercato”.

    “In questo momento – proseguono – c’è un’impellente necessità di produzione di mascherine del tipo “chirurgico” che possono essere prodotte con macchinari e materiali sicuramente presenti all’interno di queste aziende; inoltre possiamo dire che in prospettiva di medio periodo, probabilmente la mascherina diverrà un accessorio necessario alla ripresa della vita normale di tutti i giorni”.

    “Per questo – dicono Bucci, Baldi e Secchi – proponiamo ai sindaci di questo territorio di sollecitare le aziende del settore a produrre mascherine almeno del tipo più semplice ed anche magari di quelle che servono al settore sanitario, riconvertendo una parte delle loro linee produttive”.

    “Questo – rimarcano – vale in particolare per Radda e Greve in Chianti, ad esempio per gli importanti stabilimenti produttivo della Céline che, fra l’altro, facendo parte di un importante gruppo finanziario internazionale, potrà facilmente reperire i finanziamenti necessari ed individuare gli sbocchi commerciali per produrre in misura significativa questi importantissimi presidi sanitari, che in passato, per i processi di globalizzazione, sono stati prodotti solo in altre parti del mondo molto lontane da noi. Presidi che in futuro sembrano dover diventare un nuovo accessorio di abbigliamento”.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...