spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Consegnata, dal sindaco Alberto Bencistà, l’onoreficenza all’attore protagonista di “Trashed”

    GREVE IN CHIANTI – Dal tardo pomeriggio di mercoledì 12 giugno il popolarissimo attore Jeremy Irons è "Cittadino Emerito" del comune di Greve in Chianti.

     

    A consegnargli il riconoscimento, come si vede dalle foto, il sindaco di Greve in Chianti Alberto Bencistà durante un incontro al Cinema Odeon di Firenze, dove è stato proiettato il film "Trashed".

     

    Film del quale Irons è protagonista e che, firmato dalla regista britannica Candida Brady, è stato presentato nella Selezione Ufficiale al Festival di Cannes 2012 e racconta l'inarrestabile deriva dell'inquinamento globale.

     

    Temi, quelli dell'inquinamento e dello smaltimento dei rifiuti, particolarmente sentiti a Greve in Chianti: non a caso nell'ultimo consiglio comuanle è stata approvata, all'unanimità, l'adesione all'associazione "Comunità Rifiuti Zero" impegnandosi a raggiungere gli obiettivi previsti dallo statuto.

     

    Ormai noto il no, del sindaco Bencistà e di gran parte della comunità grevigiana, alla realizzazione dell'inceneritore di Testi, previsto dal piano interprovinciale dei rifiuti. Dall'altro lato invece ci si è mossi per creare proprio nel territorio grevigiano la prima esperienza di bio-distretto.

     

    La consegna della "Cittadinanza Emerita" a Jeremy Irons si muove quindi in questo solco: evidenziare sempre di più il percorso verso un modo diverso di concepire l'ambiente e l'ecologia. E con questo la gestione del rifiuto e il suo percorso una volta uscito… dalle nostre case.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...