spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Coop di Greve in Chianti accetta i “Buoni Pasto” dei marchi Day, Edenred, Repas

    Le casse del supermercato di Greve da ieri accettano anche i "Buoni Pasto" Repas, oggi molto diffusi soprattutto nelle pubbliche amministrazioni

    GREVE IN CHIANTI – Le casse del supermercato Coop di Greve in Chianti da ieri accettano anche i Buoni Pasto Repas, oggi molto diffusi soprattutto nelle pubbliche amministrazioni.

    “Dopo una lunga attesa- dice soddisfatto il presidente, Fabio Baldi – siamo diventati operativi anche per i buoni pasto a marchio Repas”.

    Nel rispetto della normativa vigente (DM Ministero dello Sviluppo Economico n. 122/2017):

    a) possono essere accettati al massimo 8 (otto) ticket restaurant al giorno;

    b) possono essere acquistati con i ticket solo prodotti alimentari freschi o comunque pronti all’uso presso i reparti di macelleria , gastronomia ed ortofrutta;

    c) i ticket restaurant possono essere presentati solo dal titolare .

    “Un servizio per i nostri soci e clienti – anticipa Baldi – a cui presto si riaffiancherà la possibilità di spendere i buoni spesa per i prodotti “Gluten Free” già presenti in quantità sui nostri scaffali”.

    “Per questo – annuncia – stiamo aspettando un piccolo strumento tecnico che consenta di leggere le tessere sanitarie”.

    “Questo servizio – conclude Baldi – che molti altri supermercati non fanno, ha un costo importante in termini finanziari e di procedure amministrative. Ma il consiglio di amministrazione ha deciso di riprenderlo per dare una risposta molto attesa dai nostri soci e clienti”.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua