sabato 26 Settembre 2020
Altre aree

    La denuncia di Raveggi (Per il Cambiamento): “Raid dei ladri in via Danimarca. Serve impegno di tutti”

    "Di tutti i cittadini che vedessero movimenti sospetti, ma allo stesso modo chiediamo con forza un'azione più incisiva anche da parte dell'amministrazione"

    GREVE IN CHIANTI – “Come tutti gli anni nel periodo estivo ricominciano i furti a Greve in Chianti. Siamo anche in periodo post Covid ma a certe persone evidentemente nulla interessa, preferiscono vivere di espedienti in barba alla crisi e alla disperazione di molte famiglie”.

    A denunciarlo è Marco Raveggi, consigliere comunale del gruppo di centrodestra Per il Cambiamento.

    Che mette l’accento su quella microcriminalità che ogni tanto si affaccia. E che tanto fa arrabbiare i cittadini.

    “Abbiamo ricevuto alcune segnalazioni – spiega Raveggi – provenienti anche da zone residenziali e tranquille, come via Danimarca, dove i ladri sono entrati in tutti i garage di un condominio riuscendo a rubare una bicicletta e recando danni a tutti i portelloni”.

    “Chiediamo la collaborazione attiva – esorta Raveggi – di tutti i cittadini che vedessero movimenti sospetti e invitandoli a segnalare attività illecite, ma allo stesso modo chiediamo con forza un’azione più incisiva anche da parte dell’amministrazione”.

    “L’aumento della videosorveglianza – aggiunge – come altre iniziative deterrenti che vadano nella direzione di un maggior controllo del territorio nella speranza di riuscire a ridurre sempre di più certe intrusioni in luoghi privati”.

    “Quest’anno – conclude Raveggi – forse, la minor presenza turistica disincentiverà i malintenzionati, tuttavia non va dimenticato un problema che puntualmente si ripresenta ogni anno, quello della sicurezza”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino