spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La nuova biblioteca comunale di Greve in Chianti festeggia i suoi primi 10 anni: li celebrerà con le tesi degli studenti

    Compleanno speciale: con l'architetto progettista Cristiano Cosi e gli amministratori comunali che hanno assistito e seguito l'ideazione e la realizzazione della struttura

    GREVE IN CHIANTI – Una festa celebrata con tanto di torta e candelina, per soffiare sui dieci anni della biblioteca comunale “Carlo e Massimo Baldini” a Greve in Chianti.

    La struttura, progettata dall’architetto Cristiano Cosi, voluta dall’allora sindaco Marco Hagge, ha condiviso con la comunità un compleanno speciale, fatto di parole, libri, autori, lettori, incontri e successi che raccontano il percorso di crescita della sala lettura sempre più aperta ai giovani.

    L’iniziativa è stata organizzata dall’amministrazione comunale negli spazi della biblioteca comunale di piazza Terra Madre.

    A condurre l’evento sono stati il sindaco Paolo Sottani e il vicesindaco Giulio Saturnini, che hanno ripercorso la storia dei dieci anni di vita letteraria e culturale con l’ex sindaco Marco Hagge e gli assessori delle precedenti amministrazioni comunali che hanno assistito e seguito l’ideazione e la realizzazione della struttura.

    Tra cui Tiziano Allodoli, Simone Secchi, Marisa Pallanti, Letizia Burgassi, Massimo Mariottini, Lorella Rotondi.

    Un libro in terracotta di Andrea Barbieri, artigiano chiantigiano, è stato consegnato all’architetto Cristiano Cosi.

    E un altro, di carta, aspetta nei prossimi giorni di essere riempito con i commenti, le impressioni le dediche della comunità chiantigiana che ha studiato, letto, preso in prestito volumi e usufruito dei tanti servizi culturali legati alla biblioteca.

    In occasione dei festeggiamenti il vicesindaco Giulio Saturnini ha lanciato l’idea di aprire la struttura ai laureati, gli universitari, i ricercatori interessati a condividere e presentare pubblicamente le loro tesi di laurea. L’iniziativa è stata incorniciata dalle letture della bibliotecaria Lucia Donnini.

    “L’obiettivo è quello di continuare a lavorare – precisa il vicesindaco Giulio Saturnini – per attribuire alla nostra biblioteca il ruolo di centro culturale e punto di riferimento sociale ad ampio raggio per la nostra comunità, proponiamo dunque di estendere e rafforzare le funzioni di accessibilità e fruibilità invitando i giovani che frequentano assiduamente le sale lettura a far proprio il luogo della conoscenza”.

    “Le ragazze e i ragazzi che ce lo richiederanno – aggiunge il vicesindaco – potranno utilizzare a titolo gratuito lo spazio della biblioteca per mostrare il risultato di un lavoro importante, che li ha impegnati magari per un lungo periodo della loro formazione, un significativo traguardo della vita che diventa anche un punto di orgoglio da condividere con amici e parenti”.

    All’evento ha preso parte anche il consigliere regionale Massimiliano Pescini che ha posto l’accento sull’importante lavoro che “le amministrazioni chiantigiane negli anni hanno realizzato per investire in cultura e dunque migliorare la qualità della vita delle loro comunità”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...