spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Panca, trovano ordigni della seconda guerra mondiale: intervento del nucleo dell’esercito

    Rinvenuto un vasto "campionario": la maggior parte è già stata fatta brillare, 5 ordigni sono stati per ora accantonati e messi in sicurezza

    LA PANCA (GREVE IN CHIANTI) – Intervento in località La Panca, nei pressi del Borgo di Dudda, nel comune di Greve in Chianti, dei componenti del nucleo CMD (Conventional Munition Disposal – Bonifica di munizionamento Convenzionale) del Reggimento Genio Ferrovieri dell’Esercito Italiano.

    Intervento in concorso con la Prefettura di Firenze, disposto dal Comando Forze Operative Nord di Padova, deputato alla gestione dei concorsi militari in tempo di pace nell’area centro-settentrionale della penisola.

    Resosi necessario per eseguire la bonifica di ordigni risalenti al secondo conflitto mondiale, rinvenuti durante la ricerca amatoriale da parte di persone con un metal detector.

    Che accortisi della pericolosità, hanno segnalato la presenza degli ordigni alla Stazione carabinieri di Greve in Chianti.

    Così, mercoledì 7 luglio il nucleo CMD si è recato sul posto.

    Rivenendo 10 proiettili di artiglieria da 75 mm APC HI USA. Distrutti in cava 4 scatole fumogene da 75 mm USA e 5 proiettili da 75 mm APC HE USA di 10.

    I restanti 5 ordigni residuati bellici sono stati accantonati e posti in sicurezza nel luogo di brillamento.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...