spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lanci dell’insetto antagonista del cinipide del castagno, un parassita terribile

    LUCOLENA (GREVE IN CHIANTI) – Nella zona di Lucolena, la frazione di "montagna" del comune di Greve in Chianti, è iniziata la lotta biologica contro il cinipide del castagno (Dryocosmus kuriphilus), un minuscolo insetto proveniente dalla Cina, capace di produrre gravi danni agli alberi del castagno.

     

    "La situazione era allarmante – dice l’assessore Simona Forzoni – con una diffusione velocissima dell’infestazione e conseguente caduta della produzione e della vitalità delle alberature".

     

    "Grazie alla collaborazione con i produttori – spiega – che hanno fornito all’amministrazione informazioni dettagliate sulla dislocazione delle aree più colpite, e all’attenzione della Regione Toscana, proprio in questi giorni sono stati effettuati numerosi lanci dell’insetto antagonista del cipinide, il Torymus sinensis". 

     

    Una lotta naturale quindi: "Sappiamo che gli effetti benefici non potranno vedersi a brevissimo termine – continua l’assessore – ma la lotta biologica è l’unica arma che abbiamo per contenere l’infestazione. Le zone nelle quali l’insetto antagonista è stato liberato saranno periodicamente monitorate per controllare l’andamento".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...