spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dopo i lavori sul ripetitore di Sagrona effettuati per migliorare il segnale

    Da ieri i lavori sul ripetitore televisivo di Sagrona dovrebbero essere terminati, e i cittadini di Greve in Chianti (in particolare quelli che vivono nel centro del capoluogo) una volta ri-sintonizzato il decoder del digitale terrestre dovrebbero poter vedere meglio i canali Rai.

     

    Il 28 e 29 novembre erano infatti stati programmati lavori di adeguamento sul ripetirore di Sagrona. Tali lavori sono stati realizzati allo scopo di migliorare la ricezione del segnale dei canali Rai da parte dei cittadini. Gli attuali apparati trasmissivi infatti sono stati sostituiti con dei nuovi e più performanti.

     

    Inoltre, per evitare disturbi di sovrapposizione del segnale ed aumentare così la potenza di trasmissione, è stata modificata la frequenza in uscita dei canali RAI, che sono passati dalla 27 alla 29.

     

    Questo ha comportato e sta comportando la necessità di uno spegnimento delle vecchie apparecchiature e la riaccensione delle nuove. Le due attività sono effettuate contemporaneamente, pertanto non sono previsti periodi di assenza del segnale.

     

    A causa del maltempo dei giorni scorsi tuttavia, i lavori hanno subito dei ritardi e sono ancora in corso. La fine dei lavori è prevista per il primo pomeriggio di ieri venerdì 30 vovembre. Ricordiamo che, da parte dei cittadini che ricevono i canali Rai dal ripetitore di Sagrona, sarà necessario effettuare nuovamente la sintonizzazione automatica dei decoder digitali.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...