spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lettera di un cittadino che contesta le segnalazioni e le “tirate d’orecchie” al Comune

    GREVE IN CHIANTI – Ha letto con attenzione gli interventi di Marco Raveggi (clicca qui per leggere l'ultimo), grevigiano molto critico nei confronti dell'amministrazione comunale, in particolare sulle manutenzioni e sul decoro, e ha deciso di dire la sua.

     

    Ospitiamo quindi la lettera di Claudio, cittadino grevigiano che la pensa in maniera molto diversa…

     

    Salve, sono un cittadino di Greve in Chianti, scrivo per dire la mia sulle numerose segnalazioni di degrado che un cittadino segnala tutte le settimane sul Gazzettino.

     

    L'organo competente del Comune di Greve in Chianti è a conoscenza di tutti i danni e le esigenze di manutenzione che il comune necessita.

     

    Questo viene comunicato dai cittadini alla forza lavoro, che verificando l'urgenza provvederà a risolvere il problema: tutto questo accade anche senza scriverlo sul Gazzettino.

     

    L'ho vissuto di persona facendo una semplice segnalazione ad un operatore del comune. Scrivere che il Comune lascia il paese in degrado non è vero, perché la forza lavoro è composta da bravi ragazzi che si impegnano facendo molto bene il loro lavoro.

     

    Personalmente quando vedo che un lavoro ancora non è stato svolto penso sempre che stiano facendo qualcosa di più urgente e, verificando, è sempre cosi.

     

    Grazie per l'attenzione e auguri a tutti.

     

    Claudio

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...