spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lettera (documentata dalle foto) di un cittadino grevigiano: “Il degrado avanza inesorabile”

    GREVE IN CHIANTI – Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un cittadino grevigiano da tempo molto attento alla situazione del parcheggio di piazza della Resistenza, davanti alla casa del popolo di Greve in Chianti.

     

    Che torna a porre domande molto precise all'amministrazione comunale e all'assessore ai lavori pubblici Simone Secchi.

     

    "Come cittadino vi avevo promesso che le domande poste nella lettera del 14 Maggio 2013, relativamente al parcheggio di Piazza della Resistenza (clicca qui per leggerla), ve le avrei riproposte fino a quando non avrò risposte complete e i lavori non saranno conclusi.

     

    Dopo sei mesi, ringraziando l’assessore ai lavori pubblici Simone Secchi per la sua cortese risposta del 23 maggio (clicca qui per leggerla), ho visto che è stata completata la stesura del bind, del manto di finitura dell’asfalto e la segnaletica stradale per una spesa totale di 27.583.74 euro + Iva; oltre a 1.536,47 euro + Iva  per il ripristino dell’ illuminazione nel parcheggio sotterraneo per il daneggiamento provocato da autoveicolo.

     

    Dopo questi lavori ho notato che durante le pioggie, come si evidenzia dalle foto, si vengono a creare delle enormi pozze in varie zone di passaggio del parcheggio, evidenziando una problematica nello smaltimento delle acque piovane e nel passaggio delle persone che usufruiscono di tale parcheggio.

     

    Volevo chiedere se questa problematica potrà portare nuovamente infiltrazioni nei piani inferiori e come mai si è venuta a creare dopo questi ultimi lavori. 

     

    Volevo anche far notare, come si vede dalle foto, che ci sono degli scoli formati da dei tubi arancioni che direttamente buttano l’acqua dal primo piano al piano inferiore senza passare attraverso un tubo di scolo.

     

    Credo che dopo tutti i soldi che si sono spesi per i cittadini non sia un bellissimo spettacolo oppure una bella senzazione per chi inavvertitamente ci passa sotto.

     

    Sarei curioso di sapere se dopo sei mesi dalla mia lettera le problematiche evidenziate dall'assessore e riportate nel virgolettato ("…rimangono ancora da risolvere alcune questioni di carattere amministrativo, legate ad  una non corretta approvazione degli atti nel corso della precedente amministrazione. Per tali aspetti procedurali l’amministrazione si sta impegnando nelle varie sedi opportune"…) sono state concluse.

     

    Intanto il tempo come si sa scorre inesorabile e come si può vedere dalle foto il degrado del parcheggio aumenta sempre di più.

     

    Ancora oggi non ho ricevuto risposta su quanti soldi dovranno uscire dalle casse comunali per il completamento dell’opera e la relativa pianificazione per la sua conclusione.

     

    Da queste lunghe tempistiche si deduce che questa opera si sta rilevando davvero onerosa per le casse comunali considerando anche i soldi che ad oggi sono stati stanziati e spesi, 825.000 euro finanziati dalla Regione più 27.584,74 euro + Iva finanziati dalle casse comunali.

     

    Volevo mettere anche in evidenza come negli ultimi periodi, nel giorno del mercato a Greve , si sta verificando la presenza di parcheggiatori abusivi che stazionano nel parcheggio e aiutano nella ricerca di un posto dove mettere la macchina.

     

    Ampi gesti per indicare il posteggio, un aiuto nelle manovre e poi, quando l'automobilista scende, la richiesta di un piccolo contributo economico. Ogni città ha i suoi e spesso si concede volentieri un piccolo contributo a riconoscenza dell'utilità nel trovare il parcheggio, ma non vorrei che succeda come a  Firenze (Ospedale di Careggi) dove  questo costume sta assumendo contorni violenti, di degrado urbano (ci sono molti articoli a riguardo). Quindi chiedo all’amministrazione comunale come intenderà controllare questa situazione.

     

    Come cittadino continuerò a monitorare come vengono impiegati i soldi delle nostre tasse e inviterei anche la popolazione a sollevare i problemi, come è avvenuto sulla manutenzione delle scuole e infiltrazioni delle aule, perché solo in questo modo possono essere risolti.

     

    Per concludere, ringrazio anticipatamente l’amministrazione comunale per l’attenzione, ma il prossimo mese ricorderò nuovamente le domande da me poste se non avrò risposte a tutte le domande. Cordiali saluti".

     

    Marco Raveggi

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...