spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lo sentite questo inebriante profumo di tartufo? Alla Gastronomia GiaBaR prosegue un luglio speciale…

    Vendita eccezionale del Tartufo Nero estivo dell’azienda Sotto Bosco di Acqualagna, delle sue super salse, di un menu realizzato con questi super prodotti...

    GREVE IN CHIANTI – Alla Gastronomia GiaBaR di Greve in Chianti prosegue la vendita eccezionale del Tartufo Nero estivo dell’azienda Sotto Bosco di Acqualagna: così come viene proposto un menù apposito per questi prodotti.

    “Sessantacinque ettari di terra predisposti per la coltivazione di tartufi – spiega Barbara, chef di GiaBaR – all’interno del territorio che è riconosciuto da tutti come la capitale del tartufo. Questa è l’azienda Sotto Bosco, e siamo stati a trovarla qualche anno fa”.

    “Siccome era domenica – ricorda – ci hanno invitato a pranzo in casa loro, preparandoci un banchetto da re e raccontandoci alcuni segreti delle ricette di famiglia. La loro azienda è conosciuta a livello internazionale, la loro accoglienza è familiare, trovare qualcosa di meglio è impossibile”.

    “In gastronomia, potete acquistare il Tartufo Nero Scorzone – dice – che noi accudiamo come un bambino per garantirne il mantenimento: ovviamente vi spiegheremo tutti i segreti anche in questo senseo. E proponiamo anche alcune specialità per chi viene a mangiare da noi”.

    “Le salse che vendiamo fatte da loro – continua nella spiegazione – sono La Tartufella, una salsa al Tartufo nero al 95%, La Salsa della Susi, una miscela tra Parmigiano Reggiano e Tartufo ed il Burro del Tartufaio, un burro aromatizzato al Tartufo”.

    “Ogni salsa – puntualizza Barbara – è stata sperimentata da loro in casa, con amici e parenti, e una volta trovata la ricetta perfetta è stata commercializzata. Perciò per sentire dei veri sapori casalinghi marchigiani, basta aprire uno di quei magnifici barattoli”.

    “Le specialità che propongo in Gastronomia – racconta ancora Barbara – sono un Crostone con Uovo Occhio di Bue e scaglie di Tartufo, un French Toast con formaggio e scaglie di Tartufo ed un piatto di Bresaola, con scaglie di Pecorino e Tartufo”.

    “Il Crostone si prepara cominciando dal pane tostato in forno oppure sulla griglia – spiega nel dettaglio – l’uovo si cuoce a parte, utilizzando al posto dell’olio un po’ di Burro del Tartufaio o la Tartufella. Quando la cottura è perfetta, si posiziona sopra al pane e vi si fa cascare sopra una bella pioggia di scaglie di tartufo nero”.

    “Il French Toast – prosegue – si prepara partendo sbattendo l’uovo, vi si immerge il pane da entrambi i lati facendolo assorbire. Poi si mette in una padella bella calda e si cuoce. Alla giusta cottura si gira il pane, per cuocere la seconda parte e si posiziona il formaggio sulla parte già cotta. Quando il formaggio inizia a fondersi, si toglie dalla padella e si ricopre con una bella cascata di scaglie di tartufo”.

    “Con questo caldo – suggerisce – li consigliamo accompagnati da un vino bianco fresco. Noi proponiamo dell’azienda la Crespaia, il Bianchello o il Chiaraluce. Vini del Metauro Superiore, abbastanza secchi, che arricchiscono il sapore del Tartufo, senza coprirlo”.

    “Vi aspettiamo in Gastronomia – conclude – Un’informazione importante è che abbiamo cambiato gli orari di apertura, ovverodal martedì al sabato dalle 12 alle 15 e dalle 17 alle 23.30. Mentre la domenica dalle 12 alle 23.30, con orario continuato, sia per acquistare i nostri prodotti che per venire a mangiare e bere qui ai tavoli. La prenotazione è fortemente consigliata, ci dispiacerebbe non poter accontentare tutti, quindi chiamateci al numero 3898863850 e seguiteci sulle nostre pagine social, su Facebook e Instagram“.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...