spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lucolena saluta una delle sue memorie storiche: l’addio a Enrico Ermini, aveva 76 anni

    E' Alessia Anichini a tracciare un ricordo pieno d'affetto: "Per anni ci ha accolto nella sua bottega, sempre insieme alla moglie Carla..."

    LUCOLENA (GREVE IN CHIANTI) – Lucolena ha detto addio a una delle sue memorie storiche, Enrico Ermini.

    Lo ricordiamo in questo intenso e commovente scritto arrivato in redazione proprio da Lucolena, a firma di Alessia Anichini.

    Se ne va un volto storico di Lucolena.

    Per anni ci ha accolto nella sua bottega, sempre insieme alla moglie Carla.

    Una storia iniziata negli anni ’10 del Novecento proprio grazie ad una donna, Vittoria Ermini, che dà vita al locale e lo fa diventare un punto di riferimento per il paese.

    Fuori l’insegna recita: “Trattoria dei cacciatori a tempo perso con pane e vino e generi diverso”.

    Nel 1935 la proprietà passa a Mario Ermini, che nonostante porti lo stesso cognome non è parente di Vittoria.

    Enrico nasce nel 1946 e la bottega è la sua casa. La gestisce fin da giovanissimo assieme al padre, che gli lascia tutto all’inizio degli anni ’90 (Mario muore nel ’92)

    Volto teneramente serio, ma dal cuore grande: “Eravamo abituati a vederlo a braccetto con la sua Carla, facevano le passeggiate le sere d’estate e sempre, rigorosamente, insieme” così lo ricorda una persona del paese.

    Enrico viveva a Lucolena, sempre presente alle cene paesane e agli eventi.

    Oggi tante persone si sono ritrovate per un ultimo saluto a un uomo “umile e semplice” come lo ha definito Don Alessandro durante la messa.

    Alessia Anichini

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...