spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I grillini grevigiani criticano duramente l’ultima uscita del vicesindaco

    GREVE IN CHIANTI – "Recentemente Paolo Sottani, vicesindaco di Greve in Chianti, ha criticato l’operato dell’amministrazione di cui fa parte, rilasciando delle dichiarazioni (clicca qui per leggere l'articolo) che suscitano molte perplessità e lasciano l’amaro in bocca a chi veramente auspica un rinnovamento qualitativo della politica in Italia".

     

    Parole… e musica del MoVimento 5 Stelle di Greve in Chianti: "Il “renziano” Paolo Sottani – proseguono i grillini grevigiani – lancia di fatto la propria candidatura alle prossime elezioni del 2014, ritenendo questo momento il più propizio per la propria bandiera, ma i modi e i tempi del suo intervento ci sembrano un vero esempio di pessima politica di fine mandato".

     

    "Sottani – spiegano – negli ultimi quattro anni è stato (o sarebbe dovuto essere) il più stretto collaboratore del sindaco Alberto Bencistà nella realizzazione del programma sulla base del quale avevano ottenuto il consenso dei grevigiani al governo di questo territorio. Hanno dimostrato un sostanziale immobilismo nella gestione dei servizi perdendo quattro anni preziosi; sono gli artefici  del capolavoro politico/giudiziario dei cantieri autorizzati dalla giunta  precedente e annullati da quella attuale, capolavoro che vincolerà negativamente la futura amministrazione e le risorse del comune".

     

    "Da tutto questo – rilanciano i grillini grevigiani – Paolo Sottani si defila e si dichiara spettatore impotente degli scontri personali del sindaco, che causano un “condizionamento nella gestione del territorio grevigiano”; e si spinge perfino ad informarci (solo oggi) di difficoltà nel bilancio comunale, dopo che pochi mesi fa fu proprio lui a presentarcelo come virtuoso e con un disavanzo positivo di 240.000 euro".

     

    "Un fulgido esempio – rincarano – di moderno politico che si assume sempre le sue “irresponsabilità”; spazio ai giovani, è l’unica cosa su cui siamo d’accordo.  E’ il momento di scegliere persone politicamente nuove, che sappiano tradurre in atti le semplici necessità delle persone. Nessuno qui a Greve parla per essempio della lotta che le forze politiche del Valdarno, Movimento 5 Stelle compreso, conducono contro la volontà di chiudere l’ospedale Serristori di Figline, punto di riferimento anche per il comprensorio di Greve".

     

    "Non si parla – proseguono – dei bambini della primaria di Greve che mangiano in classe da anni, della palestra inagibile e del paese scollegato dal resto del mondo. Largo ai giovani in politica, questo è un punto fondamentale da sempre sostenuto nel M5S, che contrasta con forza la professionalizzazione della politica e propone il limite di due mandati elettivi e invoca la partecipazione dei cittadini alla vita politica per contrastare l’uso distorto e controproducente che i partiti fanno delle istituzioni, sempre a nostro modo di vedere".

     

    Attaccano duramente quelli del M5S: "Le idee innovative del renziano Paolo Sottani ci fanno quasi paura: recupero delle tasse non pagate e oneri di urbanizzazione. Le tasse dovrebbero essere riscosse a tempo debito da un’amministrazione efficiente e non recuperate dopo qualche anno e in quanto agli oneri d’urbanizzazione, sorprende come si possa pensare ancora  a consentire la cementificazione in cambio di soldi, piuttosto che tutelare e dotare di necessarie  infrastrutture questo territorio (strade, scuole, rete idrica e fognaria, parcheggi, aree verdi) prima di andare avanti con altra cementificazione. In questo, noi del MoVimento 5 Sstelle ci sentiamo vicini agli slogan “Zero Cemento” di Matteo Renzi, piuttosto che alle opere e alle parole dei suoi amici di Greve".

     

    "Allo stesso tempo – concludono – siamo però estremamente lontani dalla simpatia di Renzi per l’incenerimento dei rifiuti: Zero cemento, incenerimento Zero, ma forte azione governativa nella gestione della cosa pubblica, realizzando cose e razionalizzando l’esistente, al fine di migliorare la vita di chi risiede in questo comune".

     

    Intanto proseguono gli incontri del M5S grevigiano con i cittadini: prossimo appuntamento questa sera, alle 21.30, alla casa del popolo di Greve in Chianti (clicca qui per le informazioni).

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...