domenica 17 Gennaio 2021
Altre aree

    Mauro Caini, l’addio un anno fa. Il ricordo della moglie Rossana: “Sarai sempre nel mio cuore”

    Un messaggio pieno di affetto e tenerezza: "Voglio ricordarti come eri, pensare che ancora vivi, che come ai vecchi tempi di ascolti e sorridi"

    GREVE IN CHIANTI – Guidava, come si dice dalle nostre parti, la” Sita” Mauro Caini: autista di autobus, grevigiano, è scomparso lo scorso anno a soli 66 anni.

    Viaggiava in particolare sulle linee di San Polo e Panzano in Chianti. Volto conosciuto per pendolari, studenti. Persona normale in mezzo alle persone normali.

    Tanto che al funerale, a Strada in Chianti, furono moltissimi quelli che avevano viaggiato con  lui a volerlo salutare per l’ultima volta.

    Oggi, a 365 giorni esatti dalla sua morte, la moglie Rossana lo ricorda sul Gazzettino del Chianti.

    Si erano sposati nel 1976 Rossana e Mauro, per un percorso insieme andato avanti per 43 anni. 

    “E’ già trascorso un anno – dice Rossana – da quando mi hai lasciato. Non ci sono addii per noi”.

    E’ un ricordo semplice, pieno di affetto e complicità. Quello di una moglie che ancora lo sente accanto, pur nel dolore dell’assenza fisica, ogni giorno.

    “Ovunque tu sia – conclude – sarai per sempre nel mio cuore. Voglio ricordarti come eri, pensare che ancora vivi, che come ai vecchi tempi mi ascolti e sorridi”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...