spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il 23 gennaio all’anteprima di un docu-film, il 25 consiglio comunale straordinario

    Sta per iniziare e, nel dettaglio, prenderà il via il prossimo 23 gennaio con la partecipazione (con tanto di pullman, si può prenotare chiamando lo 0558545219 fino al 21 gennaio) all'anteprima del film "Trashed", al Cinema Odeon di Firenze: stiamo parlando della mobilitazione da parte dell'amministrazione comunale di Greve in Chianti, di tante associazioni e cittadini, contro il piano interprovinciale dei rifiuti che, con l'approvazione in consiglio provinciale dello scorso 17 dicembre, è tornato a rimettere al centro la costruzione dell'inceneritore a Greve in Chianti (area di Testi, in foto).

     

    Un'ipotesi che va a scontrarsi con il pensiero del sindaco Alberto Bencistà, di tantissimi cittadini e associazioni del territorio: che si sono ampiamente mobilitati in passato e che torneranno a farlo nei prossimi giorni e nei prossimi mesi in maniera massiccia e convinta.

     

    Primo passaggio, come detto, la visione del film "Trashed", alle 20.30 del 23 gennaio al Cinema Odeon: la proiezione organizzata da Medicina Democratica (con il patrocinio del Comune di Greve e la presenza del sindaco Bencistà)  in anteprima nazionale di un docu-film che vede come protagonista uno dei mostri sacri del cinema mondiale, ovvero quel Jeremy Irons che, due giorni dopo, verrà insignito anche del titolo di "Cittadino Emerito" del comune di Greve in Chianti.

     

    Una cerimnonia che avverrà il 25 gennaio, in occasione del consiglio comunale straordinadio convocato proprio per ribadire il no alla costruzione dell'inceneritore di Greve in Chianti. Oltre a Jeremy Irons, che verrà insignito del riconoscimento come attore principale del film che mette al centro la questione dei rifiuti, verranno nominati "Cittadini Emeriti" la regista Candida Brady, Paul Connett (ideologo della filosofia rifiuti-zero) e Rossano Ercolini (animatore del centro di ricerca rifiuti zero di Capannori, clicca qui).

     

    Professore Emerito alla St. Lawrence University, scienziato statunitense e attivista ambientale tra i fondatori della Strategia Rifiuti Zero (clicca qui per i dettagli), Connett si è opposto all'incenerimento come metodo di gestione dei rifiuti soldi urbani, basandosi sull'analisi chimica dei sottoprodotti del processo. Sarà lui, assieme al sindaco Bencistà, a parlare in occasione della proiezione di "Trashed" al Cinema Odeon.

     

    "Nel consiglio comunale del 25 gennaio – sottolinea il sindaco Bencistà – andremo ad approvare un documento contrario al piano interprovinciale dei rifiuti e all'inceneritore di Greve in Chianti. Inoltre, verrà decisa l'adesione del comune di Greve in Chianti alla rete dei Comuni a rifiuti zero. Ma i nostri sono saranno solo dei no, ci saranno molti sì: a partire da quelli verso le riduzione del rifiuto, alla sua raccolta differenziazione e al suo ri-utilizzo".

     

    "Come è noto – conclude – del ciclo di raccolta e smaltimento dei rifiuti non si occupa il Comune ma la società Quadrifoglio: il nostro impegno sarà quello di spingere la società verso questa visione, che si mettte in atto con decisioni pratiche. Una visione molto concreta, che punta al 2020 come termine di un percorso che responsabilizzi i cittadini, le imprese e le stesse amministrazioni pubbliche, verso un traguardo che è del tutto raggiungibile".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...