spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nascerà a Panzano in Chianti la prima libera biblioteca enogastronomica: nel circolo dei pensionati

    I libri si potranno leggere e consultare solo sul posto. Saranno prestati dai proprietari, che potranno riprenderli quando vorranno: servirà a sostenere le attività del circolo

    PANZANO (GREVE IN CHIANTI) – Sta per nascere a Panzano in Chianti, nel circolo dei pensionati (il “Circolo 20 Luglio”) all’inzio di via XX luglio, di fronte a piazza Bucciarelli, la prima libera biblioteca enogastronomica.

    Avrà, infatti, tutti testi che parlano del vasto mondo dell’enogastronomia. In una delle sue culle: Panzano in Chianti, il Chianti Classico.

    L’idea è venuta al “vicino di casa” del circolo dei pensionati, il vecchio circolo socialisa del paese, Dario Cecchini. Che a pochi metri da qui ha la sua macelleria.

    Sostenere le attività del circolo (per poter consultare i libri andrà sottoscritta la tessera), che altrimenti resta di chiudere, dedicandone uno spazio a testi dull’enogastronomia.

    Sarà una biblioteca agile, sotto vari aspetti: i libri non saranno donati ma prestati dai rispettivi proprietari, che apporranno il loro nome sui testi e potranno riprenderli quando vorranno.

    I libri non potranno essere presi in prestito, ma solo in consultazione sul posto.

    E dove, meglio che a Panzano in Chianti, potersi godere un po’ di relax leggendo libri che parlano di cibo e vino?

    Chi volesse informazioni su come prestare i propri libri per la biblioteca enogastronomia, può contattare la Macellera Cecchini 055852020.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...