spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nel Chianti fiorentino serate teatralgastronomiche offerte dal Comune di Greve alla terza età

    Nei circoli di Greve, Chiocchio e Ferrone si fa festa e si brinda con gli anziani il 17 e il 27 dicembre e il 6 gennaio 2023. L'assessora Scarpelli: "Buon cibo e risate in compagnia"

    GREVE IN CHIANTI – Il Chianti fiorentino si mobilita per non lasciare gli anziani soli nel periodo delle festività natalizie.

    Sono tante le iniziative che il Comune di Greve in Chianti ha organizzato nel capoluogo e nelle frazioni per esprimere vicinanza ai nonni del territorio.

    Un regalo speciale da mettere sotto l’albero è il ciclo di serate gastronomiche, pomeriggi in allegria e occasioni di socialità, arricchite da spettacoli, cabaret e teatro toscano. Si mangia, si brinda, si ride per festeggiare insieme e contrastare solitudine e isolamento.

    E’ l’obiettivo del progetto ideato e finanziato dalla giunta Sottani che propone tre iniziative interamente dedicate al mondo della terza età.

    Con l’accensione dell’albero in una delle più belle piazze d’Italia si dà inizio al terzetto di appuntamenti organizzati nei Circoli di Greve in Chianti, Chiocchio e Ferrone.

    La prima sera, in programma sabato 17 dicembre al Circolo Arci di Greve, prevede dalle ore 19 una cena e a seguire un divertente spettacolo di cabaret messo in scena dall’associazione L’Ultima Fila.

    Protagonisti gli attori Giacomo Cassetta, Sabatino Cecchini, Tommaso Palazzini, Ernesto Pini, Andrea Vitali.

    Martedì 27 dicembre sarà la Compagnia Mald’Estro ad esibirsi alle 17 al circolo Arci di Chiocchio con lo spettacolo “Noi maledetti toscani” di e con Alessandro Calonaci, affiancato da Sauro Artini e Mary Nacci. Lo spettacolo si terrà dopo la merenda prevista alle ore 16.

    Per l’arrivo della befana, il 6 gennaio, un’altra serata è stata organizzata dal Comune al circolo Arci del Ferrone dalle ore 16 per regalare agli anziani un’occasione di condivisione e risate in compagnia degli scoppiettanti interpreti dello show “Una serata di cabaret”, produzione firmata dall’associazione L’Ultima Fila.

    Alle ore 17.30 anche la Befana interromperà il suo volo a cavallo dell’agile scopa per fare tappa al Ferrone e omaggiare tutti, grandi e piccini. Dal sacco della vecchietta usciranno calze piene di dolciumi e carbone.

    Gli appuntamenti offerti agli anziani si concluderanno tutti con un brindisi per salutare insieme l’anno nuovo.

    “Con l’avvicinarsi del Natale – dichiara l’assessore alle politiche sociali Ilary Scarpelli – la sensazione e la paura di restare isolati si può accentuare soprattutto per gli anziani del nostro territorio che per varie ragioni vivono soli, ad esempio dopo la perdita del compagno o della compagna di vita, o per coloro che risiedono in luoghi distanti dal resto della famiglia, lontano dai figli trasferiti in città o addirittura all’estero”.

    “L’idea – rilancia – è quella di favorire l’incontro tra le persone che rischiano l’isolamento e condividere con loro momenti di gioia, spensieratezza e affetto, rievocando ricordi del passato e creando nuove memorie ed esperienze”.

    “L’iniziativa – conclude Scarpelli – vuole offrire un’occasione per spronare i tanti anziani del Chianti, ricordiamo che il nostro territorio è una delle aree più longeve d’Italia, ad uscire di casa e a costruire relazioni. Credo che in un periodo in cui la solitudine può farsi sentire maggiormente stare insieme agli altri costituisca un alleato infallibile contro l’emarginazione sociale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...