spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 30 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Respinta la richiesta di sospensiva del provvedimento emesso dal Comune di Greve

    L’ordinanza del Tar, Tribunale amministrativo regionale della Toscana, è stata emessa il 19 dicembre scorso. L’oggetto è il ricorso della Giovanni Tognozzi Spa contro l’ordinanza del sindaco di Greve in Chianti datata 20 agosto 2012, nella quale si ordinava all’impresa edile di rimuovere “i rifiuti speciali non pericolosi identificabili con il codice CER 170904 utilizzati per il riempimento degli scavi eseguiti in Greve in Chianti”.

     

    La zona è quella fra la piazza Vassallo-Terra Madre e via Vittorio Veneto, “nell’area del Piano di Recupero del Centro Storico di Greve in Chianti (foglio di mappa 115, particella 410) – proseguiva l’ordinanza del Comune – al relativo smaltimento e/o recupero nel rispetto di quanto previsto dal d.lgs. n. 152/06, e al conseguente ripristino dello stato dei luoghi”.
     

    L’ordinanza comunale stabiliva “altresì che le operazioni di rimozione e smaltimento dovranno essere effettuate nel rispetto delle prescrizioni del d.lgs. n. 152/06”. Stabiliva inoltre che “dell’avvenuto smaltimento e/o recupero dovrà essere informato l’Ufficio Ambiente al quale andranno consegnate copie dei documenti comprovanti le operazioni di smaltimento e/o recupero”.
     

    A questa ordinanza l’azienda si era opposta, facendo appunto ricorso al Tar. Al quale chiedeva l’annullamento e, in corso d’opera, la sospensione dell’ordinanza comunale. Il pronunciamento del Tribunale amministrativo regionale del 19 dicembre fa ulteriore chiarezza nella vicenda, in quanto respinge la domanda di sospensiva, condannando la pare ricorrente al pagamento di 2.000 euro (al Comune) per le spese processuali.
     

    Adesso, dopo questo pronunciamento, si aspetta la sentenza definitiva del Tar nel merito della vicenda, ma già in questo primo passaggio le indicazioni sono sostanziali, visto che si ritiene l’obbligo di rimozione “congruamente motivato”.
     

    “Con questa ordinanza – sottolinea il sindaco di Greve in Chianti Alberto Bencistà – si aggiunge un altro tassello al complicato mosaico del Piano di Recupero del centro storico di Greve in Chianti. Su di un aspetto forse secondario, che però conferma la correttezza delle iniziative assunte dall’amministrazione comunale, e in attesa dello sviluppo delle vicende penali e amministrative più rilevanti, come quelle riferite al vincolo paesaggistico”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...