spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “La mia canina salvata dal veleno: grazie alla dottoressa Bacci. E ai vigili di Greve”

    Ottavio Trambusti, stradese, tira un sospiro di sollievo: la sua Frida è finalmente tornata a casa

    STRADA (GREVE IN CHIANTI) – Se la coccola, la accarezza mentre lei, Frida, gli fa le feste come non mai.

     

    Per Ottavio Trambusti il ritorno a casa, a Strada in Chianti, di questa bastardina diventata compagna di vita, è davvero da festeggiare e celebrare.

     

    E' infatti passata la paura dei giorni scorsi, quando Frida vomitava sangue per essere stata vittima di un più che probabile avvelenamento dopo una passeggiata nella zona attorno al cimitero stradese.

     

     

    "Non sappiamo il tipo di veleno – ci dice Ottavio – ma di sicuro è stata avvelenata. Non con la stricnina, altrimenti sarebbe morta. Mi dicono che potrebbe essere stato antilumaca, oppure liquido antigelo per auto".

     

    Comunque sia andata, dall'Ambulatorio Veterinario di via I maggio, a Greve in Chianti, dove è stata curata ("Dico grazie di cuore alla dottoressa Viola Bacci" tiene a dire Ottavio) sono partite le segnalazioni del probabile avvelenamento: ad Asl e alla polizia municipale.

     

    "Dico grazie anche alla polizia municipale – conclude Ottavio – mi hanno accolto con grande gentilezza raccogliendo la mia deposizione. Sono stati davvero professionali e comprensivi".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua