spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Giovanni Avezzano (Palagio Engineering): “Perse centinaia di mail e contatti coi clienti”

    Un cavo della Telecom nella zona di Greti tranciato, probabilmente durante dei lavori di posa di un tubo dell'acquedotto, domenica 10 marzo: e da allora l'operatività di due delle maggiori aziende della zona nel settore del cotto, Palagio Engineering e Vivaterra, letteralmente azzerata.

     

    Sembra incredibile, ma dopo quattro giorni ancora la linea non è stata ripristinata. E la rabbia da parte degli imprenditori è davvero oltre ogni livello di guardia: "E' incredibile – ci spiega Giovanni Avezzano (in forto), amministratore delegato di Palagio Engineering – da domenica siamo senza linea per un guasto sul quale si sarebbe dovuto lavorare h24 con diverse squadre. E invece siamo ancora qui, a sentirci promettere di giorno in giorno che la linea verrà ripristinata".

     

    E non si tratta certo di una situazione trascurabile: "Non possiamo né ricevere né spedire email da domenica – spiega Avezzano – e lavorando con Paesi di tutto il mondo per noi la domenica è un normale giorno lavorativo. Stiamo perdendo ordini, i contatti con i nostri clienti sono resi difficilissimi. Lo stesso accade per Vivaterra, con la quale spesso i clienti comunicano via fax. Anche questo fuori causa da domenica".

     

    "Non è tollerabile – conclude Avezzano – una situazione del genere. Siamo andati anche a vedere con i nostri occhi su luogo del guasto, verificando che secondo noi non c'è stata la risposta adeguata in termini di operatività. Siamo in contatto con i nostri legali, richiederemmo tutti i danni: forse servirà a poco, ma nessuno deve permettersi di lasciare delle aziende in questa situazione".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...