spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Con la scomparsa di Maurizio Viggiani Strada in Chianti è un paese più povero”

    Il ricordo del presidente Avis Paolo Mariani: "Non abbiamo potuto salutarti. Ci ritroveremo nel posto giusto"

    STRADA (GREVE IN CHIANTI) – Con la scomparsa di Maurizio Viggiani il paese di Strada in Chianti ha perso una delle sue "colonne". Riceviamo e pubblichiamo a questo proposito il ricordo di un altro stradese doc, il presidente dell'Avis Paolo Mariani.

     

    Stamattina (sabato 19 novembre, n.d.r.) Strada si è svegliata un po' più povera. Ieri sera è venuto a mancare un vecchio "grande stradese", Maurizio Viggiani, un grande amico con la sua semplicità, la sua disponibilità il suo modo di fare così genuino che molte volte il "Paglia" era cercato da tutti.

     

    Chi non ha ricevuto un aiuto? Di tutti i generi, l'Adele dice "sapeva fare tutto" fuorché imbiancare, Maurizio con un pennello in mano era un disastro, un piacevole disastro.

     

    Ho avuto la fortuna di averlo come amico, come aiutante per vent'anni. Abbiamo lavorato anche divertendosi, sempre l'Adele ci diceva "qualche mattina vi portano tutti e due a Sollicciano", siamo sempre tornati, contenti di quello che avevamo fatto.

     

    Maurizio, te ne sei andato così come hai sempre vissuto, in silenzio e a fare visita agli amici di sempre.

     

    Non abbiamo potuto salutarti ma crediamo che un giorno ti ritroveremo nel posto giusto. Ora ti salutiamo così, con il cuore gonfio di tristezza umana ma con un piacevole ricordo di te.

     

    Che la terra, quella terra che tanto hai amata ti sia leggera. Ciao Maurizio.

     

    Paolo Mariani

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...