spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Parrocchia di Santa Croce (Greve): tutto il bello del Grest 2022 a Greti

    "Quest'anno il tema che ci ha accompagnato è stato un canto a noi caro, "Mani", che ci ha sempre contraddistinto in questi ormai vent'anni di attività"

    GREVE IN CHIANTI – Non si è mai fermato l’oratorio della parrocchia di Santa Croce, a Greve in Chianti: neppure durante il primo anno della pandemia.

    E’ sempre rimasto aperto a servizio della formazione degli animatori ,pronti per offrire il loro prezioso servizio ai più piccoli appena è stato possibile.

    E così è stato: il 13 giugno (a Greti) è iniziato il Grest (Gruppo Estivo), certamente rivisto per adattarsi alle esigenze e precauzioni imposte dall’emergenza sanitaria.

    “Ovviamente – dicono dall’Oratorio – non con i numeri che ci hanno sempre caratterizzato, perché sarebbero stati impossibili da gestire, ma comunque presente, anche come segno di speranza”.

    “Quest’anno – sottolineano – il tema che ci ha accompagnato è stato un canto a noi caro, “Mani”, che ci ha sempre contraddistinto in questi ormai vent’anni di attività”.

    “Ogni giorno – sottolineano – oltre ai giochi e alla musica, ci siamo fermati e abbiamo riflettuto  sull’importanza delle nostre mani: mani che chiedono, che donano, che lavorano, che proteggono che abbracciano che stringono un patto”.

    Lo staff desidera ringraziare “principalmente le famiglie, che sempre ci supportano nelle merende e nelle pulizie, ancora più importanti in questo periodo”.

    “Non da meno – concludono – il gruppo degli animatori e aiuto animatori, cuore pulsante dell’oratorio, ragazzi adolescenti che mettono al servizio dei più piccoli , gratuitamente il loro tempo. Senza di loro tutto questo non sarebbe possibile”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...