spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 17 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Pesci salvati lungo il corso della Greve”: il plauso di Legambiente Chianti fiorentino

    "Noi impegnati anche nella segnalazione di eventuali prese d’acqua abusive o di prelievi eccessivi di acqua lungo tutti i torrenti dei territorio"

    GREVE IN CHIANTI – “Buon esito dell’operazione di salvataggio dei pesci presenti in moti tratti del fiume Greve a forte rischio di prosciugamento”.

    Lo fa sapere il circolo di Legambiente Chianti fiorentino: “La prima parte dell’intervento – proseguono – richiesto anche dall’amministrazione comunale di Greve, è stata eseguita dal volontario del circolo Marco Giannini e dai volontari della Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee (Fipsas)”.

    “Che hanno trasferito molti pesci – fanno sapere – da una parte del fiume, quasi prosciugata, ad una più distante in cui l’acqua resterà auspicabilmente per tutta l’estate”.

    “L’iniziativa – precisa l’associazione ambientalista – era stata preceduta da un’attenta analisi dello stato del fiume eseguita nei giorni precedenti dai volontari del circolo”.

    “Quest’operazione di trasferimento dei pesci – ricordano – necessaria per salvarli da morte sicura, è divenuta purtroppo assai frequente negli ultimi anni sia per il ricorrere di stagioni calde e siccitose sia per un prelievo eccessivo dell’acqua dal fiume”.

    “I circolo locale di Legambiente – specificano – è quindi impegnato, oltre che nel periodico salvataggio dei pesci, anche nella segnalazione di eventuali prese d’acqua abusive o di prelievi eccessivi di acqua lungo tutti i torrenti dei territorio”.

    Oltre a quest’attività, il circolo ha anche in programma numerose altre iniziative, “tra cui – anticipano – un importante convegno sulla tutela e la gestione del bosco e l’adesione alla campagna nazionale “Puliamo il Mondo”, che quest’anno si svolgerà nelle giornate del 23-24 e 25 settembre ed interesserà i comuni di Barberino Tavernelle, San Casciano e Greve in Chianti”.

    Per strutturare meglio il proprio operato sulle varie tematiche ambientali di interesse sul territorio, il circolo del Chianti fiorentino (da poco rinnovato nel suo consiglio) si è organizzato nelle seguenti quattro macroaree:

    1. ambiente naturale (acque e difesa del suolo – parchi e aree protette – fauna selvatica e benessere animale – caccia);

    2. ambiente antropizzato (agricoltura – fonti energetiche rinnovabili e qualità dell’aria – Mobilità sostenibile – Tutela del territorio e del paesaggio – verde urbano – turismo sostenibile);

    3. problematiche per la riduzione e la gestione dei rifiuti;

    4. scuola e formazione.

    Chi volesse entrare in contatto con il circolo o essere informato sulle prossime iniziative può scrivere a: legambientechiantifiorentino@gmail.com.

    Pagina Facebook: Legambiente circolo chianti fiorentino.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...