spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Piano solo”, concerto al tramonto al Pozzo dell’Oblìo a Panzano in Chianti

    Proseguono gli eventi estivi nel nostro territorio chiantigiano. Sabato 28 appuntamento con Stefano Rachini per un suggestivo concerto di pianoforte

    GREVE IN CHIANTI – Dopo le due belle serate ferragostane proseguono gli appuntamenti in occasione dell’Estate al Pozzo dell’Oblìo a Panzano in Chianti.

    Sabato 28 agosto alle ore 19 sarà la volta di “Piano solo”, concerto al tramonto di Stefano Rachini.

    Il pianista, compositore e improvvisatore, genere classico e contemporaneo, si esibirà con il suo repertorio nella suggestiva cornice del Pozzo dell’Oblìo a Panzano.

    Rachini, toscano anche se attualmente risiede in Olanda, ha cominciato gli studi di pianoforte classico all’età di 6 anni. Ha suonato in band di orientamento R&B, Pop, Rock e iniziato un percorso di studio nell’ambito del Jazz.

    Un artista amante del viaggio, per lui quasi sempre momento di maggiore creatività, e che considera fondamentale l’interconnessione tra esperienze di vita ed espressività musicale. Il concerto a Panzano sarà l’occasione per incontrare il pianista e condividere con lui il valore della musica come mezzo di accesso al lato infinito di ognuno.

    Dopo la performance di Rachini sarà possibile fermarsi al Pozzo dell’Oblìo per un bicchiere di vino e piatti tipici preparati dai volontari.

    L’evento è promosso dalla Casa del Popolo di Panzano e dall’Associazione culturale Tiravento si svolgerà nel rispetto delle normative anticovid.
    Info e prenotazioni 389 9909050 329 4287738 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...