spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pietro Bartolo, europarlamentare e medico di Lampedusa, incontra Mamadou Kouassi

    E' colui che ha ispirato “Io Capitano”, film di Matteo Garrone. Sabato 3 febbraio alle 15 al Centro Civico di Strada in Chianti

    STRADA (GREVE IN CHIANTI) – Sabato 3 febbraio alle ore 15 l’associazione TiraVento ospiterà, al Centro Civico di Strada in Chianti, l’europarlamentare e medico a Lampedusa, Pietro Bartolo.

    L’incontro, rivolto anche e soprattutto alle nuove generazioni, sarà l’occasione per ascoltare il racconto della sua lunga esperienza di responsabile sanitario nei primi interventi di soccorso alle tante persone disperate che sbarcano sull’isola siciliana.

    All’evento interverranno anche Alessandro Porro, soccorritore a bordo della Ocean Viking, associato di Mediterranée e Serena Spinelli assessore alle politiche sociali della regione Toscana. Coordinerà Monica Toniazzi, associazione TiraVento.

    La serata si concluderà con il conferimento del Premio TiraVento 2024 a Mamadou Kouassi che ha ispirato il “Io Capitano” di Matteo Garrone, film candidato agli Oscar.

    Chi desidera comunicare la partecipazione all’evento potrà farlo inviando un messaggio (whatsapp 3899909050 oppure associazionetiravento@gmail.com).

    L’iniziativa è organizzata dall’associazione TiraVento in collaborazione con il Presidio di Libera di Greve in Chianti e Arci di Greve. E ha ricevuto il patrocinio dal Comune di Greve in Chianti.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...