giovedì 13 Agosto 2020
Altre aree

    Pietro Stefanini e Dina Buoncristiani, la coppia antifascista. Comune di Greve e Anpi ricordano marito e moglie

    Vennero trucidati dalle truppe nazifasciste il 2 agosto 1944. La commemorazione è prevista domani alle ore 18.30 a Panzalla, nella frazione di San Polo in Chianti

    PANZALLA (GREVE IN CHIANTI) – Il Comune di Greve in Chianti e l’Associazione Nazionale Partigiani Italiani ricordano insieme il sacrificio di una coppia di grevigiani che persero la loro in vita in nome della libertà e della democrazia.

    Si terrà domani, domenica 2 agosto, alle ore 18.30 a Panzalla, frazione di San Polo in Chianti, la commemorazione dei coniugi Pietro Stefanini e Dina Boncristiani, trucidati in questo giorno del 1944 dalle truppe nazifasciste.  

    Era il 2 agosto 1944 quando in località Panzalla, a San Polo in Chianti, i nazisti fucilarono i coniugi Pietro Stefanini e Dina Boncristiani.

    Fin dal settembre del 1943 la loro casa era stata rifugio e luogo di passaggio per molti renitenti, buona parte dei quali avevano poi raggiunto le formazioni partigiane.

    Pietro Stefanini, maresciallo dei vigili urbani di Firenze, che si era contraddistinto per posizioni antifasciste già all’inizio del ventennio, era stato in grado di apportare un contributo tutt’altro che trascurabile agli uomini della Brigata Sinigaglia facendo arrivare informazioni e notizie dalla città, da dove poteva andare e venire agevolmente grazie alla divisa ed alla motocicletta di servizio.

    La moglie, Dina Boncristiani, è stata definita dal comandante “Gracco”, la migliore delle staffette della Sinigaglia. Nelle memorie di guerra l’esempio di Dina è ricordato come colei che “non temeva né fascisti né nazisti”, capace di infondere coraggio nei compagni partigiani.

    Nel 1945 l’amministrazione comunale grevigiana pose nel luogo in cui furono trucidati i coniugi un cippo alla memoria.

     Domani, domenica 2 agosto la cerimonia, prevista alle ore 18.30, prevede il raduno presso il Cippo e la deposizione di una corona di alloro alle ore 18.30.

    “Proseguiamo il percorso delle commemorazioni in ricordo delle vittime di guerra, realizzato nel rispetto delle misure anticontagio, con pochissime persone e alcuni rappresentanti delle associazioni – dichiara il sindaco Paolo Sottani – abbiamo iniziato a La Panca per rievocare gli eccidi e le rappresaglie perpetrate nel nostro territorio ed in particolare la fucilazione di ventidue persone avvenuta in varie aree del nostro comune”.

    “Ci siamo poi recati poi a San Michele – prosegue – per ricordare la Liberazione con la partecipazione dell’associazione Alpini Firenze. Abbiamo ricordato un nostro concittadino grevigiano Roberto Carnasciali, dell’associazione Caduti e dispersi in guerra, un cittadino sempre presente alle nostre commemorazioni, scomparso alcuni giorni fa”.

    “Concludiamo il nostro percorso a Panzalla – aggiunge il primo cittadino – con il ricordo della coppia Pietro Stefanini e Dina Boncristiani. Ripercorriamo le storie di vite spezzate di queste persone perché riteniamo che il valore della memoria sia uno strumento non solo di conoscenza del passato e di attività di ricerca ma di riflessione sul nostro presente, fondata sui principi di dialogo, tolleranza e accoglienza”.

    All’iniziativa di Panzalla interverranno il sindaco Paolo Sottani, per l’Anpi il presidente della sezione Ferruzzi di Bagno a Ripoli Luigi Remaschi.

    Saranno presenti anche i familiari dei caduti. Sono stati invitati gli enti firmatari del protocollo d’intesa per il Parco Storico della Resistenza di Pian d’Albero ed i rappresentanti dei Comuni di Firenze, Fucecchio, Scarperia e San Piero.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino