spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 2 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pieve San Cresci: “Sospesa l’ordinanza di rilascio provvisorio. Il centro culturale vivrà ancora”

    "Il prossimo 27 ottobre non si presenterà l’ufficiale giudiziario con la forza pubblica a mettere fine a trenta anni dedicati a mantenere e curare un immobile della Diocesi"

    GREVE IN CHIANTI – “Sospesa l’ordinanza di rilascio provvisorio. Il centro culturale vivrà ancora”.

    Lo annunciano Duccio Trassinelli e Demetria Verduci, che dalla Pieve di San Cresci, da dove si stanno battendo da mesi per non essere sfrattati, danno questo aggiornamento.

    “L’avvocato Francesca Sbragia – dicono – nostra legale, ha ottenuto la prima vittoria. Il giudice ha sospeso l’ordinanza di rilascio a seguito dell’opposizione da lei presentata”.

    “Il prossimo 27 ottobre – rimarcano – non si presenterà l’ufficiale giudiziario con la forza pubblica a mettere fine a trenta anni dedicati a mantenere e curare un immobile della Diocesi”.

    “In una lettera al vescovo di Fiesole – ricordano – mesi fa avevamo scritto che la stessa tenacia e forza che abbiamo messo per ricostruire San Cresci, l’avremmo utilizzata per portare avanti questa battaglia, fino al riconoscimento di ciò che è stato fatto”.

    “San Cresci – sottolineano ancora – con il suo centro culturale e residenza per artisti internazionali continuerà ad esistere”.

    “Non cesseremo di tenere alta l’attenzione su questo caso – dicono da La Macina di San Cresci – la petizione ha raggiunto quasi 15.000 firme , tante persone hanno lasciato commenti di profonda solidarietà, artisti da tutto il mondo si sono mobilitati inviando lettere e testimonianze video che presto saranno pubblicate, un cartoonist inglese sta elaborando la storia”.

    “Il cardinale Gianfranco Ravasi – sono ancora parole che arriva da La Macina – in una recentissima lettera, spera ancora che la sua mediazione morale con il vescovo, non sia invano”.

    “Sarà una nuova vita – rilanciano – piena di iniziative che sanciscano la cultura e l’arte come linfa e cibo della vita e non la ricchezza materiale”.

    “La causa legale continuerà col mutamento di rito. E’ una prima vittoria – commentano i
    coniugi Trassinelli – anche se finora, e per di più con la mancanza di lavoro dovuta alla
    pandemia, abbiamo speso circa 12.500 euro per spese legali e oneri per la mediazione
    obbligatoria”.

    “E altrettanti immagiamo ne abbia spesi il parroco – concludono – soldi che certamente potevano essere destinati a qualche fine migliore”.

    Una veduta del complesso di San Cresci

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...