spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Poggio alla Croce: inaugurato ufficialmente il “Sentiero della Memoria”

    Dalla frazione, a metà fra comune di Greve e di Figline Incisa, a Montescalari-Pian d'Albero, fino al Casolare Cavicchi. Un percorso a piedi in ricordo di chi è morto per la libertà

    POGGIO ALLA CROCE (GREVE IN CHIANTI) – Si è svolta ieri, sabato 26 giugno, l’importante inaugurazione del “Sentiero della Memoria”.

    Un percorso a piedi che da Poggio alla Croce arriva a Montescalari-Pian d’Albero, fino al Casolare Cavicchi.

    Proprio qui, dove i partigiani combatterono e la rappresaglia nazista fu criminale quanto aberrante.

    Alla presenza di tante autorità, di Giuseppina Cavicchi, dei gonfaloni dei Comuni di Greve in Chianti e Figline Incisa, del Gaib e di tanti cittadini, nella accogliente e suggestiva piazza del Giaggiolo, al Poggio alla Croce, ha avuto inizio la cerimonia dove vi sono stati importanti interventi e ricordi, moderati da Matteo Barucci.

    # Camminare nei boschi del Chianti, lungo il “Sentiero della Memoria”: qui dove la Resistenza fu sangue

    Il presidente dell’SMS di Poggio alla Croce, Carlo Viviani Della Robbia, ha iniziato dando il  benvenuto a tutti i presenti.

    Ricordando come la frazione sia “orgogliosa che un così importante sentiero abbia inizio proprio dal paese”.

    “E da una piazzetta – ha tenuto a diro – che spero sia intitolata a Oliviero Buccianti, detto “Bistecchino”, unico partigiano del Poggio alla Croce”.

    Dopo gli interventi è stato il taglio del nastro, e ha quindi avuto inizio la Camminata Teatrale sul sentiero, a cura del “Laboratorio Teatrale Intergenerazionale”.

    Giunti a Pian d’ Albero cena a sacco e, quindi, tutti hanno fatto rientro al paese. Che fa da “spartiacque” tra il Chianti ed il Valdarno Fiorentino.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...