spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Centrodestra, Claudio Gemelli: “Sì, arrivo da fuori. E non devo rendere conto a nessuno”

    Presentato il candidato di Fratelli d'Italia, Lega e Forza Italia: ecco chi si candida con lui in consiglio comunale

    GREVE IN CHIANTI – E' un centrodestra che dopo la burrasca pre-candidatura a sindaco di Greve in Chianti ricerca l'unità.

     

    Lo fa presentando la lista dei candidati al consiglio comunale, il candidato sindaco (Claudio Gemelli, 31 anni, coordinatore provinciale Fratelli d'Italia) e il programma elettorale.

     

    Nel sabato mattina di mercato, al Caffè Lepanto, nel cuore di piazza Matteotti, il centrodestra grevigiano ha mostrato unità e anche qualche legame diretto con… Roma.

     

    Presenti infatti, accanto al candidato sindaco, a molti candidati in lista (fra tutti il coordinatore comunale di Forza Italia Marco Raveggi e l'inossidabile Giuliano Sottani), anche i parlamentari Barbara Masini (senatrice di Forza Italia) e Giovanni Donzelli (deputato di Fratelli d'Italia), oltre al sottosegretario agli Affari Esteri Guglielmo Picchi. Assente giustificato (stava presentando il candidato sindaco di Firenze) il segretario provinciale della Lega Alessandro Scipioni.

     

     

    "Dico ai grevigiani – ha esordito Masini – di darci una opportunità, visto che dimostriamo di saper governare ovunque siamo".

     

    "Fate una bella campagna elettorale – ha detto rivolta ai candidati – costruttiva, non rispondete mai alle provocazioni".

     

    Molto diretto Picchi: "A greve in Chianti purtroppo gli abitanti non hanno mai voluto accettare la sfida del cambiamento, tenendo un rosso intenso che non ha portato benefici. Dobbiamo vincere una sfida culturale che da troppo tempo ci vede sconfitti".

     

    "Come Governo – ha promesso – garantirò sempre la vicinanza nel caso ci sia la vittoria di Claudio. La buona notizia è che le liste di sinistra a Greve sono tre, questi fanno i congressi interni anche alle elezioni amministrative. Il centrodestra si presenta unito, nella sua forma migliore, con partiti che portano capacità di governare, con la presenza di parlamentari sul territorio".

     

    "Claudio Gemelli – ha concluso Picchi – è un candidato all’altezza, con un programma serio. La sfida nei prossimi trenta giorni è vostra. Ed è una sfida che deve essere vinta dalla comunità di Greve in Chianti. Che merita di più".

     

    "La sfida non sembra facile – ha chiosato Donzelli – ma lo è. Non sembravano facili Siena, Pisa, Cascina, Pistoia. Qui si ripresenta Paolo Sottani, ma la gente vuole novità, vuol vedere facce nuove. I cittadini vogliono cambiare. Parlate delle vostre scelte, non avete nulla da nascondere. Votate per un ragazzo bravo, capace, figlio di famiglia di carabinieri, che si è messo in gioco nella politica senza chiedere nulla. Che ha alle spalle una coalizione di governo che quando governa cambia le cose!".

     

    Poi la parola al candidato sindaco, Claudio Gemelli: "Greve è una piazza difficile. Ci sono tre liste a sinistra, e questo vuol dire che è radicata: ma per noi è un vantaggio. In questi dieci giorni, da quando è uscita la mia candidatura, ho girato molto e ho trovato grande entusiasmo. La gente ha voglia di cambiamento, anche se magari non si espone. Io non sono di Greve? È vero, ma come segretario provinciale di FdI ho girato tanto la provincia. Conoscendo bene queste realtà".

     

    CLAUDIO GEMELLI – Candidato sindaco a Greve in Chianti per il centrodestra

     

    "Il nostro programma – ha anticipato – è basato su regole e buonsenso: ed ho una grande squadra di grevigiani. Sono contento perché si è trovato la quadra sul mio nome dopo una serie di vicissitudini. Con grande entusiasmo: sembra ci conosciamo da una vita. Con una lista qualificata di persone di ogni settore".

     

    "Io vengo da fuori? E' vero – ha ribadito –  e proprio per questo non devo rendere conto a nessuno, ad associazioni, a pacchetti di voti. Sono libero. Devo ringraziare una persona a cui ho chiesto di entrare in lista, e che si è definito usato sicuro. Giuliano Sottani".

     

    "Una delle nostre parole d’ordine sarà sicurezza – ha concluso – Vorrei strappare il corpo di polizia municipale dall’Unione comunale del Chianti fiorentino. Telecamere, illuminazione pubblica, controllo di vicinato. Altra parola d’ordine è identità: questi paesi si stanno spopolando, hanno perso le loro tradizioni. Devono ritrovarle".

     

     LA LISTA DI CANDIDATI AL CONSIGLIO COMUNALE

     

    – Giuliano Sottani, 83 anni: ex sindaco di Greve in Chianti.

     

    – Marco Raveggi, 42 anni: ingegnere meccanico presso una multinazionale.

     

    – Giacomo Fusi, 36 anni: impiegato nel settore della moda. Fra i suoi interessi l'ambiente e la tutela del territorio.

     

    – Pamela Burrini, 42 anni: pianista, clavicembalista, concertista e docente di Scuola Secondaria, event manager.

     

    – Roberto Brigadini, 62 anni: medico chirurgo, Generale B. (ris.) carabinieri, Cavaliere al merito della Repubblica, medico abilitato presso il Ministero dei Trasporti.

     

    – Elena Bendinelli, 48 anni: imprenditrice agricola.

     

    – Lorenzo Brigadini, 24 anni: laureato in Filosofia, studente alla magistrale.

     

    – Roberto Abate: medico chirurgo, specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica.

     

    – Maria Giorgia Sacco, 40 anni: socia collaboratrice artigiana nell'azienda di famiglia. Due figli.

     

    – Riccarda Cappelli: svolge da sempre l'attività di parrucchiera.

     

    – Stefania Cretella, 55 anni: ex titolare di una gioielleria, due figli.

     

    – Roberto Cianfanelli: pensionato.

     

    – Maria Teresa Lombardini: coordinatrice Fratelli d'Italia a Impruneta.

     

    – Niccolò Garbarino: studente di Scienze Politiche, rappresentante studentesco di Azione Universitaria.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...