spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 3 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A deporlo due volontari del Gruppo San Michele GEV

    Nella foto i due volontari dell'associazione ambientale e culturale "Gruppo San Michele-GEV del Chianti", di Greve in Chianti (Attilio Tatini e Giorgio Verniani, in foto) che hanno deposto un piccolo presepe artigianale tra i ruderi dell'antico oratorio sul Monte San Giusto, tra Greve e Strada.

     

    "Il gesto – ricordano dall'associazione –  divenuto oramai una tradizione quasi ventennale dell'associazione Gruppo San Michele, vuole solo mantenere il ricordo storico-religioso verso uno dei luoghi tradizionalmente più cari al cristianesimo chiantigiano".

     

    "L'Oratorio di San Giusto, infatti – spiegano – fu eretto nell'altomedioevo sul luogo dove, secondo la tradizione, subirono il martirio alcuni cristiani di Firenze e del Chianti nella prima metà del terzo secolo dopo Cristo. Il toponimo San Giusto deriva forse dal nome di uno di questi martiri o per il fatto che gli stessi martiri in antico erano appellati "giusti"".    

     

    "L'abbandono dei luoghi oggi è totale – conclude il presidente del Gruppo Andrea Garuglieri – l'oratorio, che fino agli anni trenta era meta di pellegrinaggi e solenni festività, venne distrutto nell'agosto 1944 durante il passaggio del fronte bellico e mai più ricostruito. Da anni la nostra associazione si batte per una rivalorizzazione e riscoperta del luogo, meta oggi solo di qualche cacciatore, trekkista e bykista che percorre l'antica strada dei Monti del Chianti (tracciato C.A.I.)".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...