spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Presura (Strada in Chianti): “Perdita di acqua da fine agosto, ma nessuno viene a ripararla”

    La denuncia dei residenti. Publiacqua replica: "La perdita è in una strada privata, come confermato dal Comune: l'intervento spetta ai proprietari"

    GREVE IN CHIANTI – “Presura, Strada in Chianti, c’è una perdita di acqua da fine agosto e nessuno viene a ripararla”.

    Questa è la segnalazione che ci arriva da alcuni cittadini di via della Presura, tra Strada in Chianti e l’Ugolino, al confine fra i comuni di Greve in Chianti e Impruneta.

    “Il 31 agosto abbiamo aperto una segnalazione a Telecom – ci dice Pietro uno dei residenti che ci hanno contattato – che è intervenuta con il proprio personale perché fuoriusciva acqua dalle loro camerette di servizio lungo la via. E le precedenti chiamate a Publiacqua non avevano portato a nessun tipo di intervento”.

    “C’era un evidente sversamento di acqua in superficie ,dall’ultima cameretta Telecom a valle della via – riprende – Il personale Telecom, trovando i pozzetti di servizio pieni di acqua, ha avvertito Publiacqua. Che poche ore dopo è intervenuta con del personale a segnare sull’asfalto il punto o la tipologia di intervento da fare”.

    “Da quel giorno però – rimarca – ancora non abbiamo visto nessuno. La perdita di acqua persiste, sembra anche più consistente; e siccome l’acqua defluisce in un terreno poderale privato, ne rende sempre più impraticabile il passaggio”.

    “Sinceramente – conclude Pietro – non capiamo come mai si lascia passare tutto questo tempo per riparare una perdita segnalata da noi e dal personale del gestore del servizio telefonico”.

    Il motivo lo spiega Publiacqua, che abbiamo contattato per capire come mai si è lasciato passare tutto questo tempo tra la segnalazione, già avvenuta prima del 31 agosto, l’intervento di verifica e la riparazione. Che ancora non è avvenuta.

    “La perdita – inizia il gestore del servizio idrico – insiste su strada privata. E’ stato interpellato anche il Comune, che ha confermato la natura privata della strada in questione. Pertanto, l’intervento, da regolamento, spetta ai proprietari”.

    “Evidentemente – riprende Publiacqua – c’è stato un fraintendimento tra l’operatore che è intervenuto ed i residenti. Perché che l’intervento deve essere fatto dai residenti è stato comunicato agli stessi, dall’operatore che è intervenuto sul posto”.

    “Il nostro tecnico – conclude Publiacqua – ha poi provato a ricontattare il richiedente l’intervento (al numero utilizzato per segnalare la perdita) ma non ha mai ricevuto risposta”.

    Siamo andati anche a vedere cosa dice a questo proposito il Regolamento del Servizio Idrico Integrato.

    All’articolo 24 si parla della manutenzione degli impianti interni da parte dell’utente.

    “La responsabilità e la manutenzione delle condutture e delle infrastrutture idriche in area privata – si legge – è a carico dell’utente. Al verificarsi di perdite fra il limite della proprietà pubblica ed i misuratori posti all’interno della proprietà privata l’utente è tenuto a provvedere all’immediata riparazione. In caso di inottemperanza, il Gestore potrà ridurre l’erogazione idrica al livello essenziale e potrà procedere all’installazione di un misuratore posto al limite tra proprietà pubblica e privata a servizio dell’utenza, le cui spese saranno imputate all’utente finale”.

    “L’utente – si legge ancora – rimane, comunque, unico responsabile riguardo al mantenimento delle caratteristiche di potabilità dell’acqua in proprietà privata ed in merito ai danni che le perdite potrebbero arrecare alle proprietà pubbliche e/o private. Il Gestore è tenuto ad intervenire, su richiesta dell’utente, per interrompere il flusso idrico, qualora ciò sia necessario alla manutenzione/riparazione perdite”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...