spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 8 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Paolo Sottani, l’orgoglio: “E’ un consiglio comunale con molti under 30”

    Il primo cittadino nella seduta inaugurale: "Il risultato di chi ha cercato di avvicinare i giovani alla politica"

    GREVE IN CHIANTI – Si è riunito per la prima volta, mercoledì 12 giugno, il consiglio comunale del comune di Greve in Chianti per la nuova legislatura 2019-2024.

    Numerosi i cittadini che hanno assistito alla prima “prova” nuovi consiglieri comunali, la cui elezione è stata convalidata all’unanimità.

    Sono poi seguite le rituali procedure di votazione e nomina dei membri del consiglio. Per prima, la nomina dei capigruppo, che ha visto le scelte di Samuele D’Ignazi per la Lista Paolo Sottani Sindaco, Claudio Gemelli per Gemelli Sindaco – Per il Cambiamento, Simone Secchi per Lista Viva.

    Si è poi proceduto alla designazione ufficiale della giunta comunale: riconfermati con le deleghe precedenti Maria Grazia Esposito e Lorenzo Lotti, che nei prossimi cinque anni ricoprirà anche il ruolo di vicesindaco; ricopriranno il ruolo di assessori anche Ilary Scarpelli, Paolo Stecchi e Simona Forzoni che, dimessasi da consigliere, sarà assessore esterno.

    A seguire, il giuramento del sindaco, Paolo Sottani, che si riconferma per questo secondo mandato: “Devo ringraziare – ha detto il sindaco – tutti i cittadini per aver espresso con il loro voto la loro fiducia nei miei confronti. Il risultato ottenuto, superiore anche a quello dello scorso mandato, mi spinge a portare avanti il mio lavoro con altrettanta responsabilità”.

    “Ringrazio anche chi – ha ripreso – negli appena conclusi cinque anni ha lavorato con me, e auguro al nuovo consiglio e alla nuova giunta di poter fare allo stesso modo, nella ricerca di una collaborazione comune e di argomenti condivisibili”.

    “Tengo poi a ribadire – ha proseguito – l’alta presenza, nel consiglio appena eletto, di giovani sotto i 30 anni, soprattutto in questo periodo storico, alcuni alla loro prima esperienza in ambito politico/amministrativo. È il risultato del buon lavoro fatto per cercare di avvicinare i giovani alla vita politica del nostro paese”.

    “Credo sia importante contare su di loro per il futuro – ha rimarcato – per le loro idee e il loro modo diverso di approcciarsi alla realtà, così come si faranno carico delle istanze dei più giovani portandole direttamente sotto la nostra attenzione”.

    Sempre all’ordine del giorno, le nomine di presidente del consiglio e vicepresidente, rispettivamente assegnate a Stefano Romiti e Roberto Brigadini.

    Con il ruolo di consiglieri delegati alla rappresentanza di Greve al consiglio dell’Unione dei comuni del Chianti fiorentino, i consiglieri Claudio Gemelli, Fabio Baldi e Giuliano Sottani.

    Un dibattito animato, una serata lunga, che si è conclusa con la presentazione del programma amministrativo da parte del sindaco, e di numerosi interventi da parte dell’opposizione.

    Sono intervenuti infatti gran parte dei consiglieri della minoranza – Secchi, Gemelli, Baldi, Sottani – e D’Ignazi ed Esposito della maggioranza.

    Le tematiche che saranno affrontate prossimamente saranno quella di interventi di manutenzione in alcuni luoghi pubblici, a partire dalle scuole e dalle strutture sportive, nelle frazioni e nel capoluogo; quella del trasporto pubblico, tema particolarmente caldo; quella della promozione del territorio e dell’investimento sul primato turistico del Chianti.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...