spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Apre a brevissimo: aperto il bando per due operatori di servizio civile da destinarvi

    CHIOCCHIO (GREVE IN CHIANTI) – In seguito alla chiusura dell'ufficio postale di Chiocchio il Comune di Greve in Chianti, per venire incontro ai bisogni dei cittadini, si è attivato per aderire al progetto che Uncem Toscana ha realizzato in collaborazione con la Regione Toscana.

     

    Il progetto prevede l'apertura nella frazione di un punto "Ecco fatto": un centro presso il quale i cittadini di tutto il Comune di Greve in Chianti potranno usufruire di una serie di servizi on line evitando di doversi recare obbligatoriamente a Firenze con un risparmio di tempo e denaro per gli spostamenti verso la città.

     

    "Presso il Punto Ecco Fatto – fanno sapere dal palazzo comunale grevigiano – saranno infatti attivati in modo graduale tutti servizi correlati alla Carta Sanitaria Elettronica, servizi Inps e Poste on line, sorveglianza attiva del territorio, ricezione e consegna farmaci ed altri servizi comunali".

     

    "L'ufficio – dicono ancora – sarà gestito dal circolo Arci di Chiocchio, che ha gratuitamente messo a disposizione i locali, con l'aiuto di due giovani del Servizio Civile Regionale, per il quale è già stato pubblicato il bando di adesione".

     

    "Oltre a dare un servizio ai cittadini – concludono – con questa iniziativa offriamo una possibilità a due giovani tra i 18 ed i 30 anni, garantendo loro un'esperienza importante che, oltre tutto, permette di accedere ad un assegno mensile erogato dalla Regione Toscana di 433,80 euro.  Le modalità e le istruzioni per l'adesione al bando, che dovrà avvenire entro il 15 luglio, sono disponibili sul sito Uncem Toscana nella sezione dedicata al Comune di Greve in Chianti".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...