spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Raveggi (Per il Cambiamento): “Apprezzo lo sforzo sui giardini pubblici, dopo i nostri solleciti”

    Il consigliere comunale di centrodestra fa il punto: "Nessuno mette in dubbio che i lavori sono tanti, ma dobbiamo anche ricordare che i cittadini pagano le tasse per avere servizi efficienti"

    GREVE IN CHIANTI – “Come consigliere comunale del gruppo Per il Cambiamento, e cittadino di Greve in Chianti, apprezzo lo sforzo che si sta facendo sul rispristino dei giardini, sollecitato da tre anni con interrogazioni e question time”.

    A parlare è Marco Raveggi, consigliere comunale del gruppo di opposizione di centrodestra, che ricorda l’attività (sua e del suo gruppo), “per evidenziare le problematiche e sbloccare situazioni ferme da più di 20 anni”.

    “Come i giardini di Sant’Anna – sottolinea – quelli di Strada in Chianti, che erano arrivati al limite della sicurezza (ancora in parte da rimettere). O in via Jacopo da Strada, a Strada in Chianti. Soddisfatto anche (a breve) del ripristino del gioco ai giardini in via Danimarca, ricordando che dal 2020 vengono fatte interrogazioni sulle problematiche di quel giardino e di quel gioco mancante da più di un anno”.

    “Nessuno mette in dubbio che i lavori sono tanti – specifica – ma dobbiamo anche ricordare che i cittadini pagano le tasse per avere servizi efficienti”.

    “Di conseguenza – rilancia – la manutenzione dei giardini non deve essere un evento, ma una normale amministrazione programmata nel tempo. E  non una ogni 20 anni”.

    “La politica in generale – aggiunge Raveggi – considera eventi, situazioni che dovrebbero essere programmate nel tempo senza destare meraviglia quando vengono completate”.

    “Il lavoro è ancora lungo – anticipa – e il prossimo obiettivo, già evidenziato più volte in consiglio comunale, è quello della costruzione dei giardini nella frazione di Greti. Perché quelli ad oggi esistenti sono lungo la statale, senza recinzione e di conseguenza molto pericolosi per i bambini”.

    “Anche questo è un argomento che è sul tavolo da anni – riprende – quindi fisseremo anche un incontro con i tecnici comunali e l’assessore competente per arrivare a una soluzione da chiudere nel 2023”.

    “La strada è lunga – dice ancora Raveggi – ma l’importante è pianificare, progettare e dare budget altrimenti rimangono solo discorsi al vento e scritte sul DUP che ha più una funzione elettorale che programmatica dei lavori”.

    “Continuerò a lavorare sempre in modo costruttivo e propositivo – promette in conclusione – con l’amministrazione ma alla fine gli obiettivi sui giardini pubblici, impianti sportivi, scuole e tanti altri argomenti devono essere raggiunti nei tempi perchè ormai fermi da troppi anni”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...