spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Contenti della loro voglia di dialogo, ma non si parte certo da veti su persone o candidature”

    Sì al dialogo, ma "non commento analisi numeriche sul voto alle elezioni politiche di febbraio (e anche sulle primarie del centrosinistra), che si fondano su congetture di convenienza o fantasia".

     

    E' molto netta Monica Toniazzi, segretario comunale del Partito democratico a Greve in Chianti, nel rispondere alle sollecitaioni del Partito socialista (clicca qui per leggere l'articolo) che sul Gazzettino hanno chiesto, nei giorni scorsi, "rinnovamento nel modo di amministrare e nei rappresentanti".

     

    "Il Pd piuttosto – riprende Toniazzi – è preoccupato per la situazione di estrema difficoltà del nostro Paese e per le crescenti incertezze che riguardano un numero sempre maggiore di famiglie anche nel nostro comune. Per questo, anche in vista delle prossime amministrative, siamo interessati ad avviare un confronto aperto al dialogo e al contributo di tutto il popolo del centrosinistra".

     

    Quindi porte aperte a tutti: "Mi fa piacere – sottolinea mettendo in chiaro alcuni punti – apprendere che anche il Partito Socialista grevigiano chieda oggi di partecipare a questo sforzo comune, lo considero un segnale incoraggiante visto che non li ho mai visti in occasione della campagna delle politiche".

     

    "Certo – rilancia – che dopo essere usciti dalla giunta comunale collocandosi fra le forze di opposizione, quello di riavviare un dialogo con il Pd cominciando dalla discussione sulle candidature e dai veti sulle persone non mi sembra una spinta al rinnovamento ma piuttosto un metodo da vecchia politica".

     

    "Sono convinta – conclude Toniazzi – che il futuro di Greve, più che con qualche accordo nelle stanze delle segreterie partiti, si debba costruire con una maggiore vicinanza ai cittadini, con il più ampio coinvolgimento della nostra comunità e la massima partecipazione. Ci tengo davvero a un buon rinnovamento della politica. E per questo chiederei ai socialisti di cambiare passo. I cittadini si aspettano da tutti i partiti, un cambiamento più profondo".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua