spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un sabato pieno di musica e “Sud” alla casa del popolo con Tiravento

    Pizzica e taranta (con tanto di "corso" nel pomeriggio). Si presenta anche il libro di Francesca Caminoli sui bambini di strada

    GREVE IN CHIANTI – Sabato 17 dicembre l'associazione Tiravento e il circolo Arci di Greve in Chianti promuovono una serata di festa alla casa del popolo con pizziche e tarante, musica e balli dal sud Italia.

     

    L’appuntamento è per le 20, si comincerà con un buffet per tutti i partecipanti prima di dare il via, dalle 21, alla serata di balli e danze in compagnia de  “I cenci allegri”.

     

    Con l’occasione sarà anche presentato il libro "Perché non mi dai un bacio? Una donna accanto ai bambini di strada" di Francesca Caminoli.

     

    Un testo dedicato alla storia di un’artista di strada, di una insegnante, anima del progetto Los Quinchos, seguito anche da alcuni cittadini del Chianti e riferito a un villaggio che in Nicaragua accoglie, accudisce, accompagna nello studio e nella ricerca di un lavoro, gli ultimi di quella terra, i ragazzini che nessuno vuole.

     

    Infine, per chi desidera conoscere e sperimentare i passi dei balli, segnaliamo che si potrà partecipare alle 18 ad uno stage di pizzica e danze popolari del sud Italia curato dall'insegnante Chiara Garuglieri, appassionata ballerina, diplomata all'Accademia di Belle Arti di Bologna e che ha creato il gruppo di ballerini Tarante Fiorentine con cui anima feste e serate.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...